Alcaraz intende seguire le orme di Roger Federer, Rafael Nadal e Novak Djokovic



by   |  LETTURE 7881

Alcaraz intende seguire le orme di Roger Federer, Rafael Nadal e Novak Djokovic

Domenica sera, Carlos Alcaraz è diventato il più giovane vincitore di un titolo ATP da quando l’allora 18enne Kei Nishikori si impose a Delray Beach nel lontano 2008. Circoscrivendo il discorso soltanto alla Spagna, era dal trionfo di Rafael Nadal a Sopot 2004 che un giocatore iberico così giovane non sollevava un trofeo nel circuito maggiore.

Il pupillo di Juan Carlos Ferrero è stato spesso paragonato al 20 volte campione Slam e non si può negare che – a parità di età – i numeri dei due siano molto simili. Alcaraz ha dimostrato di avere tutte le carte in regola per raggiungere i vertici del tennis maschile in futuro, senza dimenticare uno strapotere fisico che non ha praticamente eguali fra i suoi coetanei.

Grazie al successo ottenuto su Richard Gasquet in finale a Umago, Carlos è inoltre vicinissimo al suo principale obiettivo nel 2021, vale a dire chiudere la stagione nella Top 50 del ranking ATP. In conferenza stampa, lo spagnolo si è espresso anche sulla grandezza dei Big 3 (Roger Federer, Rafael Nadal e Novak Djokovic).

Alcaraz è ormai vicinissimo alla Top 50

“Cerco di non pensare troppo ai paragoni con Rafael Nadal. Ripeto sempre la stessa cosa, cioè che sono concentrato sul mio percorso. Sto ancora imparando, sto ancora crescendo, non devo fare altro che proseguire sulla mia strada” – ha detto Alcaraz.

“Ovviamente ammiro molto Roger Federer, Rafael Nadal e Novak Djokovic, sono cresciuto guardandoli vincere tornei dello Slam. Ritengo che siano i tre migliori giocatori di ogni epoca. Per me è fantastico avere la possibilità di giocare nel loro stesso circuito, posso apprendere davvero tante cose” – ha aggiunto.

Il 2021 può regalargli ancora tante soddisfazioni: “Il mio obiettivo per quest’anno era quello di arrivare fra i primi 50. Adesso ci sono molto vicino, quindi sono pronto a fissare un nuovo traguardo per la fine della stagione.

Il mio sogno più grande è diventare il numero 1 al mondo e vi assicuro che sto lavorando sodo per riuscirci. Nel tennis non hai molto tempo per festeggiare, la settimana successiva inizia già un nuovo torneo”.