Emilio Sanchez dà ancora una speranza a Roger Federer



by   |  LETTURE 10606

Emilio Sanchez dà ancora una speranza a Roger Federer

Le incognite sul futuro di Roger Federer sono sempre più numerose dopo la sua rinuncia alle Olimpiadi di Tokyo. I Giochi erano infatti uno dei suoi grandi obiettivi in questo 2021, durante il quale è riuscito a giocare un numero di partite molto inferiore alle aspettative.

L’ex numero 1 del mondo ha raggiunto i quarti di finale a Wimbledon, un buon risultato se si considerano l’età e le peripezie con cui ha dovuto fare i conti nell’ultimo anno e mezzo. L’entità della sconfitta contro Hubert Hurkacz e il livello di gioco mostrato non hanno lasciato indifferente il veterano svizzero, che ha subito addirittura un bagel nel terzo set.

Pochi giorni dopo, il 20 volte campione Slam ha annunciato di aver accusato una ricaduta al ginocchio operato due volte e il conseguente forfait ai Giochi. In molti si chiedono se Re Roger sarà pronto per gli US Open, in scena a fine agosto davanti al 100% di spettatori.

Un’eventuale rinuncia all’ultimo Slam stagionale addenserebbe altre nubi scure sulle condizioni del quasi 40enne di Basilea. In risposta ad un articolo del New York Times, l’ex tennista spagnolo Emilio Sanchez ha esternato il suo punto di vista sul momento che sta attraversando Federer.

Federer compirà 40 anni il prossimo 8 agosto

“Vedo che tanti si dimenticano che Roger Federer è tornato in campo dopo oltre un anno di stop, con due operazioni al ginocchio in pochi mesi. Ha ripreso a giocare soltanto da alcune settimane.

Io credo che lui debba cercare di farsi trovare al 100% per l’inizio del prossimo anno. Con pochissime partite nelle gambe, ha centrato i quarti di finale a Wimbledon. Se ritrova un po’ di ritmo, siete sicuri che non possa competere per qualche altro titolo? Per me deve continuare a lottare” – ha dichiarato Sanchez.

Roger ha ottenuto i suoi migliori risultati del 2021 proprio negli Slam, essendosi spinto fino agli ottavi al Roland Garros (oltre ai già citati quarti a Londra). Va però sottolineato come l’elvetico non si sia ancora trovato di fronte esponenti della Top 10, un dettaglio di cui tenere conto nelle valutazioni.