Corretja: “Ciò che hanno fatto Federer, Djokovic e Nadal è irripetibile”



by   |  LETTURE 3090

Corretja: “Ciò che hanno fatto Federer, Djokovic e Nadal è irripetibile”

Nell’Era Open, un unico giocatore è stato in grado di realizzare il Grand Slam: si tratta dell’australiano Rod Laver, che nel 1969 riuscì a conquistare Melbourne, Parigi, Wimbledon e New York perdendo solo due set in quattro finali.

Quest’anno, l’indiscusso numero uno ATP Novak Djokovic ha la possibilità di ripetere l’impresa: gli manca solo il trofeo di Flushing Meadows per completare l’opera, in un torneo che lo scorso anno lo vide clamorosamente squalificato negli ottavi di finale dopo aver colpito con una pallina una giudice di linea alla gola.

L’ammirazione di Corretja

Djokovic si è aggiudicato la terza edizione consecutiva di Wimbledon dopo aver sconfitto l’italiano Matteo Berrettini con il punteggio di 6-7 6-4 6-4 6-3, successo che gli ha permesso anche di eguagliare a quota 20 titoli del Grand Slam il record detenuto da Rafael Nadal e Roger Federer.

Djokovic, attualmente primo nella Race to Turin, è già sicuro di partecipare alle ATP Finals. Commentando l’ultimo trionfo del campione di Belgrado, l’ex numero 2 del mondo Alex Corretja ha indicato nella sua vittoria ai danni di Nadal al Roland Garros il punto di svolta e ha definito “incredibili” e “irripetibili” le imprese dei Big 3: “Siamo cresciuti guardando Borg, McEnroe, Lendl, Wilander e nessuno di loro è arrivato a 10 Slam.

Pensavamo che sarebbe stato impossibile battere i 14 di Pete Sampras”. Le parole di Corretja sono state riportate dal sito web Punto de Break. Nadal ha deciso di saltare gli appuntamenti di Wimbledon e delle Olimpiadi di Tokyo, che inizieranno a partire dal prossimo 23 luglio.

Per quanto riguarda Federer, lo svizzero è stato nettamente battuto nei quarti di finale di Londra dal polacco Hubert Hurkacz, vincitore per 6-3 7-6 6-0: era dal 2002 che King Roger non subiva una sconfitta per tre set a zero sull’erba inglese.

L’elvetico, 40 anni ad agosto, ha confessato di non sapere se tornerà mai a competere a Wimbledon. Photo Credit: Tennishead