Boris Becker dubita che Roger Federer tornerà a Wimbledon nel 2022



by   |  LETTURE 7453

Boris Becker dubita che Roger Federer tornerà a Wimbledon nel 2022

Novak Djokovic ha rispettato i pronostici della vigilia aggiudicandosi il torneo di Wimbledon per la sesta volta in carriera. L’edizione 2021 dei Championships era anche uno snodo crociale per il futuro di Roger Federer, che non può essere del tutto soddisfatto al termine delle due settimane londinesi.

È vero che il fuoriclasse svizzero ha raggiunto i quarti di finale, un ottimo risultato a quasi 40 anni e dopo due operazioni, ma all’esordio aveva rischiato tantissimo contro Adrian Mannarino. Senza lo sfortunato incidente occorso al francese, non sappiamo se Re Roger sarebbe riuscito a portare a casa la vittoria.

A ciò si deve aggiungere la netta sconfitta per mano di Hubert Hurkacz, che ha messo in evidenza tutte le attuali lacune del 20 volte campione Slam. Il 39enne di Basilea ha persino subito un bagel nel terzo set, lasciando il Centre Court con la testa bassa e un’espressione corrucciata.

Nel corso di una recente intervista, Boris Becker ha spiegato che potrebbe essere stata davvero l’ultima recita di Federer a Church Road.

Becker è pessimista sul futuro di Roger Federer

“Ho la sensazione che non tornerà a Wimbledon la prossima estate, soprattutto dopo quello che è successo nei quarti di finale.

Penso che sia stato uno shock notevole per lui” – ha detto Becker. Il sei volte campione Slam crede che Roger Federer si aspettasse molto di più da questa campagna londinese. “Ritengo che Roger fosse arrivato a Wimbledon pensando che tutto stesse andando secondo i piani.

Si era ripreso dai suoi problemi al ginocchio, aveva utilizzato la terra rossa per rimettersi in forma e recuperare fiducia per arrivare in fondo ai Champioships. Non credo che si fosse presentato a Londra con il pensiero del ritiro nella testa, ma adesso potrebbe prenderlo in considerazione.

Il modo in cui ha perso contro Hubert Hurkacz ha cambiato le cose” – ha sottolineato il tedesco. L’elvetico ha messo in dubbio la sua presenza alle Olimpiadi di Tokyo, confermando però la sua intenzione di continuare a giocare. Si attendono ulteriori comunicazioni nei prossimi giorni.