Pete Sampras rende omaggio a Roger Federer, Rafael Nadal e Novak Djokovic



by   |  LETTURE 8523

Pete Sampras rende omaggio a Roger Federer, Rafael Nadal e Novak Djokovic

Novak Djokovic ha sconfitto Matteo Berrettini nella finale di Wimbledon domenica, mettendo in bacheca il suo 20° titolo del Grande Slam. Grazie al suo sesto trionfo a Church Road, il numero 1 del mondo ha inoltre eguagliato il record all-time dei suoi eterni rivali Roger Federer e Rafael Nadal.

Il fuoriclasse serbo conserva buonissime chance di realizzare il ‘Calendar Grand Slam’, visto che sarà il favorito principale anche agli US Open a fine agosto. Più incerta invece la sua presenza alle Olimpiadi di Tokyo, che si disputeranno a porte chiuse a causa dell’incremento dei contagi in Giappone registratosi nelle ultime settimane.

Il quarto giocatore di maggior successo a livello di titoli Slam è Pete Sampras, che si è aggiudicato il suo 14° e ultimo Major agli US Open 2002 (prima di appendere la racchetta al chiodo). Federer è stato il primo a battere il suo record a Wimbledon nel 2009, mentre Nadal è riuscito nella stessa impresa al Roland Garros 2017.

Il 15° Slam di Nole è arrivato infine agli Australian Open 2019. In una recente intervista a Christopher Clarey per il ‘New York Times’, Sampras ha ammesso che non si sarebbe mai aspettato che tre giocatori lo superassero in un lasso di tempo così breve.

Sampras ha vinto il suo ultimo Slam agli US Open 2002

“Sono semplicemente sbalordito da questa generazione” – ha ammesso la leggenda americana. “Se quando ho concluso la mia carriera con 14 Slam, mi avessero chiesto se fosse possibile che tre ragazzi mi avrebbero superato in meno di 20 anni, avrei risposto con una risata” – ha aggiunto.

Nonostante l’avanzare dell’età, Roger Federer, Rafael Nadal e Novak Djokovic hanno sempre trovato nuovi modi per tenere a bada i più giovani. “Oggi tutti giocano più o meno nello stesso modo, ma ci sono tre fenomeni che sono molto più bravi degli altri.

In un certo senso è più semplice dominare rispetto ai miei tempi. Per i Next Gen è difficile sfondare contro giocatori di tale esperienza, talento e capacità atletiche” – ha analizzato Sampras.