Ivanisevic: "Novak Djokovic non sarà mai amato come Roger Federer"



by   |  LETTURE 11335

Ivanisevic: "Novak Djokovic non sarà mai amato come Roger Federer"

La rivalità tra Roger Federer, Novak Djokovic e Rafael Nadal è destinata a restare nella storia del tennis ed in generale destinata a restare viva nella storia dello sport. Questi tre atleti hanno dominato gli ultimi vent'anni ed ancora oggi sono protagonisti, quasi sempre in finali dello Slam e con Novak Djokovic, che, a 34 anni, domina la classifica ed il circuito mondiale da tempo e continua a realizzare record su record strabiliando tutti i suoi tifosi e tutti gli appassionati di questo straordinario sport.

Nonostante questo dominio Djokovic è probabilmente il tennista meno amato dei tre, lo abbiamo visto reagire in qualche occasione ai fischi dei tifosi e lo stesso campione ha ammesso in conferenza di soffrire questa situazione.

Più volte Nole ha chiarito che non gli piace e che gli piacerebbe essere amato a tutto tondo dal pubblico ma allo stesso tempo risponde a chi non lo gradisce a suon di vittorie.

Goran Ivanisevic su Roger Federer e Novak Djokovic

Nel corso di un'interessante intervista ai microfoni del Times Ivanisevic ha provato a chiarire perché Roger Federer è più amato rispetto a Nole, ecco le sue parole: "La gente mi dice che sono fortunato, ma io dico loro che dovrebbero stare al posto mio.

È bello ed è un privilegio essere qui, ma è anche stressante. Penso che il giorno in cui si ritirerà Nole, alla gente mancherà. Lui non avrà mai l'amore ed il tifo che ha Roger, ma non credo che gli importi.

A volte hai bisogno di persone contro di te per ottenere i tuoi obiettivi. La gente tifa per Federer perché è arrivato prima ma sono sicuro che il giorno del ritiro di Nole tutti diranno 'Vorrei che Djokovic tornerà'

Alla fine le persone vedono solo le cose cattive ma non vedono tutte le cose buone che Djokovic ha fatto. A volte è stesso lui a creare il problema perché vuole la perfezione e nonostante alcuni dei suoi colpi siano fantastici, lui vuole essere ancora più perfetto, deve essere straordinario e rende straordinario tutto ciò che fa".