La madre di Murray ricorda una storica vittoria del figlio su Roger Federer



by   |  LETTURE 4432

La madre di Murray ricorda una storica vittoria del figlio su Roger Federer

Ai Giochi Olimpici di Londra 2012, il britannico Andy Murray occupava la terza posizione del seeding nel torneo di singolare. Dopo aver superato Stan Wawrinka, Jarkko Nieminen, Marcos Baghdatis, Nicolas Almagro e Novak Djokovic, Andy si trovò ad affrontare in finale ancora una volta lo svizzero Roger Federer, con cui aveva perso poche settimane prima la finale di Wimbledon.

In questo caso, però, il risultato fu diverso: Murray prevalse con il punteggio di 6-2 6-1 6-4, andando a conquistare la sua prima medaglia d’oro olimpica.

Mamma Judy: “Era come la finale di Church Road”

Judy Murray, madre ed allenatrice di Andy, ha recentemente ricordato in un’intervista al sito olympics.com quella fondamentale partita nella carriera del figlio, all’interno di un torneo ancora più cruciale per Andy: “Era come giocare la finale di Wimbledon, in ogni match”.

Judy ha continuato: “È stato un momento storico. Credo che, dopo tutta la delusione di qualche settimana prima, vederlo vincere contro lo stesso avversario e sullo stesso campo, in un ambiente completamente diverso, sia stato davvero fantastico”.

Qualche mese più tardi, Murray superò anche Aleksandr Bogomolov, Ivan Dodig, Feliciano Lopez, Milos Raonic, Marin Cilic, Thomas Berdych e Novak Djokovic per andare a vincere il suo primo trofeo del Grand Slam in quel di Flushing Meadows.

Murray si ripeterà due volte anche a Wimbledon, divenendo il primo giocatore britannico dai tempi del grande Fred Perry a sollevare il più prestigioso trofeo del mondo. La carriera dello scozzese raggiungerà l’apice nel 2016, anno del secondo successo alle Olimpiadi, del primo trionfo alle ATP Finals londinesi e della conquista del gradino più alto della classifica mondiale.

Oggi, Murray – uscito dalla top 100 – prenderà parte ancora una volta al torneo di Wimbledon, dove se la vedrà innanzitutto col pericoloso georgiano Nikoloz Basilashvili. Andy è stato fermato negli ottavi di finale del Queen’s dal nostro Matteo Berrettini in due set. Photo Credit: The New York Times