Roger Federer in finale a Wimbledon a 39 anni? C'è un precedente favorevole



by   |  LETTURE 4909

Roger Federer in finale a Wimbledon a 39 anni? C'è un precedente favorevole

Lunedì prenderà il via l’edizione 2021 di Wimbledon, che avrà un sapore ancor più speciale dopo la cancellazione dello scorso anno. I riflettori saranno puntati naturalmente su Roger Federer, forse alla sua ultima apparizione sui prati di Church Road.

L’ex numero 1 del mondo attende questo torneo da due anni, con l’obiettivo di riscattare l’atroce beffa del 2019 e mettere in bacheca il suo 21° Slam. Il percorso di avvicinamento dello svizzero al terzo Slam stagionale non è stato dei migliori, complice anche la prematura eliminazione ad Halle per mano di Felix Auger-Aliassime.

Il 39enne di Basilea farà il suo esordio martedì contro Adrian Mannarino, che non avrà nulla da perdere e farà di tutto per realizzare lo sgambetto. Re Roger è finito nel quarto di Daniil Medvedev, chiamato a dover gestire la minaccia Struff già nel primo round.

Nel corso di una recente intervista a Matt Trollope, la leggenda del doppio Todd Woodbridge ha insistito sul fatto che Re Roger abbia qualche possibilità di vittoria a Londra quest’anno.

Federer ha disputato un solo Slam nell'ultimo anno e mezzo

“Può sicuramente vincere Wimbledon, ma credo che avrà bisogno di qualche aiuto.

Per esempio qualcuno che elimini a sorpresa un paio di teste di serie alte” – ha spiegato l’australiano. “Roger Federer dovrà fare grande attenzione ai big server, come ad esempio Matteo Berrettini, che possono essere molto pericolosi sull’erba e non ti permettono di esprimere il tuo gioco grazie al loro servizio.

Federer conosce benissimo la storia di questo sport e sa che Ken Rosewall ha raggiunto la finale nel 1974 all’età di 39 anni. Lui ritiene davvero che sia possibile arrivare in fondo. Sono convinto che sia ancora in grado di giocare grandi partite, ma le stelle dovranno allinearsi per fare in modo che sollevi il trofeo” – ha ammesso.

Il Maestro ha disputato un solo Slam nell’ultimo anno e mezzo, il Roland Garros 2021. “Il formato al meglio dei cinque set è un vantaggio e uno svantaggio per lui. Da un lato, avrà tempo per trovare il suo gioco, dall’altro potrebbe avere difficoltà a livello di recupero fisico. Su quest’ultimo aspetto non vi sono garanzie” – ha chiosato Woodbridge.