Coach ATP: "Djokovic avrebbe meritato lo stesso credito di Roger Federer e Nadal"



by   |  LETTURE 11882

Coach ATP: "Djokovic avrebbe meritato lo stesso credito di Roger Federer e Nadal"

Novak Djokovic è stato il grande dominatore dell’ultimo decennio, un assunto che trova la sua certificazione anche nei numeri. Basti pensare che il numero 1 del mondo si è aggiudicato 18 dei suoi 19 Slam dal 2011 in poi, mentre i suoi eterni rivali Roger Federer e Rafael Nadal ne hanno combinati 15 nello stesso lasso di tempo.

Grazie al recente trionfo al Roland Garros, il fenomeno serbo si è portato ad una sola lunghezza dallo svizzero e dallo spagnolo nella classifica all-time dei Major. Non bisogna poi dimenticare che Nole ha superato il record di settimane in vetta al ranking ATP lo scorso marzo, agevolato anche dal nuovo sistema introdotto per contenere gli effetti della pandemia.

Con Nadal fuori dai giochi per Wimbledon e Federer lontano dal 100%, il 34enne di Belgrado ha messo nel mirino la possibilità di completare il Grande Slam. D’altronde, Novak sarà il principale favorito in entrambi gli Slam che mancano.

Ospite del podcast ‘Tennis Channel Inside-In’, l’ex coach di Sampras e Federer – Paul Annacone – ha riconosciuto la straordinaria grandezza di Djokovic.

Annacone: "Djokovic ha dominato l'ultimo decennio"

“Penso che Novak Djokovic sia riuscito a fare qualcosa di eccezionale, lo testimoniano i suoi numeri.

Era veramente difficile, perché si è trovato a dover fare i conti con Roger Federer e Rafael Nadal, due degli atleti più amati di ogni epoca. Sotto un certo aspetto, credo che Novak non sia stato in grado di ottenere tutto l’apprezzamento che avrebbe meritato” – ha spiegato Annacone.

“Dal 2011 ha vinto 18 Slam, contro i 15 di Rafa e Roger messi insieme. Si è aggiudicato anche 31 Masters 1000 (Federer e Nadal 28), 4 ATP Finals ed è stato per 324 settimane in vetta al ranking ATP. È stato il giocatore più dominante dell’ultimo decennio, non ci sono dubbi” – ha aggiunto.

L’americano ha elogiato il tennis del belgradese: “È assolutamente fantastico. Penso che abbia la miglior risposta nella storia del gioco, oltre ad essere uno degli strateghi più acuti che abbia mai visto su un campo da tennis”.