Roger Federer svela come passa il suo tempo nella bolla parigina



by   |  LETTURE 16585

Roger Federer svela come passa il suo tempo nella bolla parigina

Dal nostro inviato a Parigi - Roger Federer si è reso autore di un ottimo esordio al Roland Garros 2021, diradando un minimo le nubi che aleggiavano intorno alle sue condizioni fisiche. Il test non era dei più probanti, per usare un eufemismo, visto che dall’altra parte della rete c’era Denis Istomin, veterano uzbeko scivolato ben oltre la 200ma posizione del ranking ATP.

L’ex numero 1 del mondo ha sfoderato una buonissima prestazione, recuperando anche il dritto, che gli aveva creato non pochi grattacapi durante l’ultima uscita in quel di Ginevra. Dopo aver ottenuto la sua 71ma vittoria a Parigi (a fronte di 17 sconfitte), il campione dell’edizione 2009 ha discusso di vari argomenti in conferenza stampa.

Oltre a riconoscere di sentirsi sempre più a suo agio, il 39enne di Basilea ha ribadito che sarà Wimbledon il suo principale obiettivo quest’anno.

Roger Federer sfiderà Marin Cilic al secondo turno

“Sfortunatamente, alcune sconfitte premature fanno parte del processo di rientro” – ha ammesso Re Roger, che non era andato oltre i quarti a Doha e il secondo turno a Ginevra.

“Ero consapevole che – dopo uno stop così lungo – sarei potuto incappare in un passo falso sorprendente. L’alternativa sarebbe stata aspettare finché non fossi tornato al 100% della condizione.

Tuttavia, avevo già fatto abbastanza riabilitazione, mi ero allenato parecchio e avevo una voglia matta di tornare in campo. Fintanto che non rischio di infortunarmi gravemente e riesco ad esprimermi ad un livello accettabile, per me va benissimo.

Allo stesso tempo, se avessi potuto fare altri blocchi di allenamento, mi sarebbe stato di ulteriore aiuto. Non c’è tanto tempo in questo momento della stagione, ecco perché devo affrontare la situazione.

Le sconfitte non devono distrarmi, anzi devo restare positivo e fidarmi delle mie capacità. Capisco che alcuni giornalisti ed esperti potrebbero esserne sorpresi, ma non sono preoccupato” – ha aggiunto. L’otto volte campione di Wimbledon è migliorato dal punto di vista fisico: “Mi sto muovendo abbastanza bene adesso.

A Ginevra ho fatto tanta fatica a raggiungere la rete, non mi sentivo a mio agio. Contro Istomin qui a Parigi, ho deliberatamente mantenuto i punti brevi, non volevo essere coinvolto in scambi troppo lunghi. Finora ho passato molto tempo in stanza assieme al mio team, ho dormito il tempo necessario, siamo andati all’impianto per allenarci e abbiamo sempre pranzato lì.

Giochiamo a carte quando abbiamo un po’ di tempo libero. Non volevo arrivare a Parigi troppo presto a causa della bolla, ecco perché ho aspettato fino a giovedì per mettere piede qui” – ha chiosato Federer.