Nuovo record di longevità per Roger Federer



by   |  LETTURE 6388

Nuovo record di longevità per Roger Federer

Prima del suo esordio al Roland Garros di qualche ora fa, il numero 8 delle classifiche mondiali Roger Federer aveva disputato il suo ultimo match ufficiale in un evento del Grand Slam agli Australian Open 2020, uscendo sconfitto in semifinale da Novak Djokovic in due set.

Da allora, il fenomeno di Basilea è tornato in campo solamente quest’anno per prendere parte a due eventi ATP 250: Doha e Ginevra, vincendo solo con Daniel Evans in Qatar e perdendo contro Nikoloz Basilashvili e Pablo Andujar.

Nel lungo periodo di assenza, infatti, Roger si è dovuto sottoporre a due delicati interventi al ginocchio destro, senza considerare i mesi successivi occupati dalla pandemia di Coronavirus, durante i quali non è andato in scena alcun evento del circuito ATP e WTA.

Federer sempre più nella storia

Assente dunque la scorsa stagione a Parigi, King Roger ha fatto il suo ritorno al Roland Garros in questo 2021, esordendo contro il giocatore uzbeko Denis Istomin. Nel 2019, Federer aveva superato al Bois de Boulogne il nostro Lorenzo Sonego, Oscar Otte, Casper Ruud, Leonardo Mayer e il connazionale Stan Wawrinka, prima di perdere in semifinale ancora una volta contro lo spagnolo Rafael Nadal in tre set.

Federer, testa di serie numero 8 in Francia, ha sconfitto nelle scorse ore Istomin con il punteggio di 6-2 6-4 6-3, prenotando l’appuntamento di secondo turno con il croato Marin Cilic, che ha già battuto nove volte in dieci occasioni in carriera.

L’ultimo incontro tra i due è avvenuto nella finale degli Open d’Australia 2018, vinta da Roger al quinto parziale. Grazie al suo successo su Istomin, Federer è salito al primo posto – alla pari con l’americano Jimmy Connors – nella classifica dell’Era Open che conta il maggior tempo intercorso tra la prima partita vinta in un torneo del Grand Slam e l’ultima: ben ventuno anni, compresi tra il 2000 e il 2021.

Connors c’era invece riuscito in un arco di tempo tra il 1971 e il 1992, quando – all’età di 40 anni – riuscì a battere Jaime Oncins al primo turno degli Us Open, prima di essere sconfitto da Ivan Lendl.

Seguono a pari merito in questa classifica Andre Agassi, Fabrice Santoro e Feliciano Lopez: tutti fermi a quota 19. Photo Credit: peRFect tennis