Il trattamento preferenziale di Roger Federer a Wimbledon



by   |  LETTURE 9089

Il trattamento preferenziale di Roger Federer a Wimbledon

L’ultima edizione del torneo di Wimbledon, l’evento di tennis più importante al mondo, è andata in scena tra il 1 e il 19 luglio 2019, vedendo trionfare il numero uno del mondo Novak Djokovic in campo maschile e la romena Simona Halep in quella femminile.

Particolarmente emozionante e ricca di sorprese l’ultima partita del tabellone maschile, con lo svizzero Roger Federer che non è riuscito a sfruttare due match point sul proprio servizio al termine di una clamorosa rimonta al quinto set.

Lo scorso anno, causa emergenza Coronavirus, la direzione di Wimbledon ha prontamente scelto di rimandare la competizione al 2021, sperando in una situazione più tranquilla.

I privilegi dei top players

In questa stagione, il prestigioso Grand Slam in scena a Londra si terrà dal 28 giugno all’11 luglio e seguirà di pochi giorni la conclusione del Roland Garros di Parigi, posticipato di una settimana a causa delle nuove restrizioni imposte di recente dal governo francese.

Malgrado il ritorno delle competizioni, saranno inevitabili alcune restrizioni per evitare una nuova emergenza Covid-19: tra queste la scelta di ospitare un numero ridotto di spettatori, forse al 25% della capienza totale.

Un’altra sarà quella di cancellare il tradizionale giorno di riposo dei giocatori, che dovranno risiedere in un’apposita ‘bolla’ all’interno di un hotel messo a disposizione per loro: dovrebbe trattarsi in particolare del rinomato Park Plaza, nell’area di Westminster.

Tuttavia, le regole non saranno esattamente le stesse per tutti: si apprende infatti dal Daily Mail che i giocatori dotati di teste di serie riceveranno un trattamento di preferenza nell’hotel, dal momento che riceveranno le 63 suite dell’edificio, dotate ovviamente di una vista migliore.

I tennisti non potranno uscire dal loro hotel, ma di recente è stato comunicato loro questo messaggio da parte dell’All England Club: “La registrazione dei giocatori per l’hotel è stata aperta e stiamo lavorando su questo in base alle diverse esigenze dei gruppi di giocatori”.

Inoltre, è possibile che gli atleti potranno portare con sé eventuali figli e fino a due membri del proprio team. Photo Credit: Wild Italy