Djokovic: "Io, Nadal e Roger Federer abbiamo uno svantaggio rispetto ai giovani"



by   |  LETTURE 8128

Djokovic: "Io, Nadal e Roger Federer abbiamo uno svantaggio rispetto ai giovani"

Pur essendo ancora competitivi ad altissimi livelli, i Big 3 sono giunti alla fase conclusiva delle rispettive carriere. Novak Djokovic occupa la vetta del ranking mondiale all’età di 33 anni, oltre ad essersi aggiudicato il suo nono titolo agli Australian Open all’inizio del 2021.

Nel corso delle ultime stagioni, il fenomeno serbo ha deciso di rivolgere la sua attenzione prevalentemente sugli Slam, con l’obiettivo di eguagliare e superare gli eterni rivali nella classifica all-time. Rafael Nadal ha avuto parecchie difficoltà fino a questo momento, complice anche un fastidioso problema alla schiena che ha limitato il suo rendimento.

Il 34enne spagnolo sa di avere il Roland Garros dalla sua parte, nonostante la concorrenza sia sempre più agguerrita. In caso di 14° trionfo a Parigi, Rafa si porterebbe a quota 21 Slam scavalcando per la prima volta l’eterno rivale Roger Federer.

Quest’ultimo andrà a caccia dell’ultimo sigillo a Wimbledon in estate, senza dimenticare le Olimpiadi di Tokyo ben impresse nella sua mente. In conferenza stampa a Roma, Djokovic ha sottolineato come il ricambio generazionale sia inevitabile in qualsiasi ambito della vita.

Djokovic: "I Next Gen possono giocare quasi ogni settimana"

“I risultati dimostrano chiaramente che i ragazzi più giovani stanno vincendo molto di più rispetto a prima. Ovviamente, ciò è agevolato dal fatto che alla loro età possono giocare quasi ogni settimana.

Ci sono giocatori come Tsitsipas, Zverev, Medvedev, Berrettini e Rublev che disputano parecchi tornei e scalano in fretta la classifica” – ha analizzato il 18 volte campione Slam. I Big 3 faranno tutto il possibile affinché il cambio della guardia venga rimandato ulteriormente.

“Dominic Thiem e Daniil Medvedev sono sempre più vicini alla prima posizione, è naturale che subentreranno prima o poi. Ci saranno dei cambiamenti importanti nella parte superiore del ranking, ma nessuno può sapere se succederà fra un mese o un anno” – ha aggiunto Nole.

Djokovic ha più volte ribadito la sua intenzione di vincere il secondo Roland Garros della sua carriera, magari vendicando la batosta rimediata da Nadal nella finale della scorsa edizione.