Tsitsipas: "Poche rivalità nell'era di Roger Federer, Nadal e Djokovic"



by   |  LETTURE 2677

Tsitsipas: "Poche rivalità nell'era di Roger Federer, Nadal e Djokovic"

Stefanos Tsitsipas si è aggiudicato il suo primo Masters 1000 in carriera domenica scorsa, riuscendo nell’impresa di conquistare il trofeo nel Principato di Montecarlo senza lasciare per strada nemmeno un set.

Il 22enne greco era salito agli onori della cronaca agli Australian Open 2019, quando si era tolto la soddisfazione di eliminare il campione uscente Roger Federer spingendosi fino alle semifinali. Ci si aspettava qualcosa in più da lui nelle successive due annate, in particolare nei tornei dello Slam.

Il tennista di Atene ha raggiunto nuovamente il penultimo atto a Melbourne un paio di mesi fa, dopo aver rimontato due set a Rafael Nadal nei quarti. La sua corsa si è interrotta dinnanzi ad uno scatenato Daniil Medvedev, incapace di completare l’opera dinnanzi al numero 1 del mondo Novak Djokovic.

Parlando con i media poco prima del suo esordio a Barcellona, Tsitsipas si è detto ottimista circa le sue possibilità di vincere un Major nel futuro prossimo. D’altronde, l’era dei Big 3 è sempre più vicina al suo fisiologico epilogo.

Tsitsipas: "In futuro ci saranno molte più rivalità"

“Ero solito guardare Roger Federer, Rafael Nadal e Novak Djokovic in televisione quando ero un bambino e adesso mi trovo a giocare contro di loro, è pazzesco.

Penso di poter vincere uno Slam nel futuro prossimo” – ha dichiarato il vincitore delle ATP Finals 2019. Tsitsipas ha sconfitto in finale a Montecarlo il suo amico e rivale Andrey Rublev. “Noi due abbiamo già costruito una bella rivalità.

Ovviamente non siamo a 30 scontri diretti, ma ci arriveremo di sicuro giocando così tante volte l’uno contro l’altro. Non vedo alcun motivo per cui non dovrebbe andare avanti. Per come si sta sviluppando questa nuova epoca, sento che ci saranno molte più rivalità rispetto al passato.

Io con Zverev, con Sinner, con Berrettini. Credo che sarà proprio questa incertezza e varietà a rendere il tennis davvero emozionante nei prossimi anni” – ha analizzato. Al suo esordio a Barcellona, 'Tsitsi' ha lasciato appena due game al povero Jaume Munar.