Il direttore dell'ATP di Ginevra al settimo cielo pensando a Roger Federer



by   |  LETTURE 3678

Il direttore dell'ATP di Ginevra al settimo cielo pensando a Roger Federer

Dopo qualche settimana di grande incertezza, Roger Federer ha annunciato il suo calendario per il prossimo mese e mezzo. Il nome del fuoriclasse svizzero compariva nella entry list ufficiale del Mutua Madrid Open, che sperava di riaccoglierlo dopo i quarti raggiunti due anni fa, ma il 20 volte campione Slam ha deciso diversamente.

L’ex numero 1 del mondo prenderà parte infatti all’ATP di Ginevra, unico appuntamento di preparazione prima di volare a Parigi per il Roland Garros. Il secondo Major stagionale è slittato di una settimana per via della delicata situazione sanitaria in Francia, un cambiamento che sembrava spalancare le porte al forfait del 39enne di Basilea.

Re Roger ha invece optato per una scampagnata all’ombra della Torre Eiffel, dove nel 2019 aveva centrato le semifinali perdendo soltanto dall’eterno rivale Rafael Nadal. Si può immaginare che Federer disputerà poi il torneo di Halle, mentre la sua presenza a Stoccarda pare veramente appesa ad un filo.

Intervistato da ‘Matin’ nelle scorse ore, il direttore del Geneva Open Thierry Grin ha espresso tutta la sua felicità per essersi assicurato la partecipazione di una leggenda come Federer.

Federer tornerà in campo a Ginevra

“Non so che dire, è semplicemente incredibile.

Si è avverato il nostro sogno più grande. Lo sport ha sofferto parecchio a causa della pandemia, anche noi abbiamo dovuto fare dei sacrifici. Dopo la cancellazione dello scorso anno, rilanciare il torneo con la presenza di Roger Federer è un segnale magnifico, oltre che una bellissima ricompensa per tutti coloro che hanno lottato per mantenere vivo lo sport durante questo difficilissimo anno” – ha spiegato Grin.

“Non c’erano dodicimila possibilità di averlo con noi. Le stelle si sono allineate quest’anno, lo considero un dono del cielo. Roger ha una programmazione molto accurata, il nostro torneo è ‘caduto’ sempre meglio nel calendario fino a diventare la migliore soluzione per lui” – ha aggiunto. Il Maestro non ha mai nascosto che Wimbledon e le Olimpiadi di Tokyo saranno le sue priorità nel 2021.