Kei Nishikori: "Roger Federer è uno dei pochi tennisti che adoro guardare in tv"



by   |  LETTURE 2969

Kei Nishikori: "Roger Federer è uno dei pochi tennisti che adoro guardare in tv"

Seppur con davvero grande fatica Kei Nishikori ha superato il primo turno del torneo Atp di Barcellona, battendo in tre set l'insidioso argentino Pella. Il tennista nipponico si è trovato sotto di un set e 6-5 con break nel secondo set, ma è riuscito a vincere al tiebreak il secondo parziale chiudendo poi agevolmente nel set decisivo.

Ai sedicesimi altro cliente ostico con Nishikori che sfiderà il sudamericano Christian Garin. Recentemente Kei ha rilasciato un'interessante intervista sul sito ufficiale dell'Atp dove ha riconosciuto quanto fosse stata importante per lui la figura del campione svizzero Roger Federer.

Dopo un periodo dove Nishikori è stato fermo per problemi fisici il tennista sta man mano rientrando e sta beneficiando sicuramente della collaborazione con l'ex tennista ed ora coach Max Mirniy. Ecco le sue parole: "Ho iniziato a lavorare con Max qualche mese fa, mi dice cose buone e mi ha insegna a giocare un tennis più aggressivo.

Abbiamo lavorato sodo e lui mi ha aiutato molto con il servizio, ora mi sento davvero bene"

Cosa significa Roger Federer per Nishikori

Nel corso della storia ogni bambino ha avuto una figura a cui ispirarsi e nel caso di Kei Nishikori parliamo sicuramente del venti volte campione di titoli del Grande Slam Roger Federer.

Parlando di Roger il tennista nipponico ha rilasciato cosi le sue dichiarazioni: "Federer era la mia ispirazione, fin da piccolo mi divertivo guardando le sue partite. E' un grande giocatore, questo è certo ma sicuramente per me era bello vedere i suoi match.

Non ci sono tanti giocatori che non vedo l'ora di vedere, ma sicuramente Roger è uno di questi. E' davvero fantastico vedere i suoi colpi ed i suoi movimenti in azione" Cosa serve per diventare un tennista professionista? "Il mio consiglio è impegnarsi in ciò che vuoi, devi essere consapevole che hai bisogno di tanto lavoro per riuscire a distinguerti, il tennis è uno sport molto divertente dove dal nulla puoi ritrovarti a giocare in uno stadio con 10 mila persone che ti guardano"