Andrei Pavel: "Il talento di Roger Federer era riconoscibile da sempre"



by   |  LETTURE 2596

Andrei Pavel: "Il talento di Roger Federer era riconoscibile da sempre"

Dopo il suo rientro ufficiale avvenuto il mese scorso nel torneo Atp di Doha c'è tanta attesa e curiosità su quando sarà il prossimo match di Roger Federer nel circuito, il primo quest'anno sulla terra battuta.

Alla soglia dei 40 anni che compirà tra qualche mese Roger ha ancora voglia di mettersi in lizza e si è iscritto ufficialmente per il Masters 1000 di Madrid mentre non parteciperà a Roma. Non è ancora ufficiale, ma lo svizzero potrebbe partecipare anche al torneo 'di casa' che si disputerà quest'anno sulla terra battuta a Ginevra.

Federer lavora per rientrare al meglio e la stagione su terra battuta, compreso il Roland Garros, non rappresentano priorità ma sono di preparazione in vista dei veri obiettivi di quest'anno, ovvero il torneo di Wimbledon e i Giochi Olimpici di Tokyo 2021.

Recentemente il Roland Garros è stato posticipato di una settimana avvicinandosi così a Wimbledon, ma ciò non comporta grossi cambiamenti per il campione svizzero che sta lavorando per giocare al meglio questa fase della stagione.

Le parole di Pavel su Roger Federer

È tutto da vedere quali saranno i tornei a cui effettivamente parteciperà Roger Federer sulla terra battuta e sono tanti i rumors a riguardo. L'ex numero 13 al mondo Andrei Pavel ha ricordato una vittoria su Roger Federer, battuto ad Amburgo su terra battuta nel 2000.

Ecco le sue parole: "Ho vinto solo nel 2000 ad Amburgo contro Federer, lui era molto giovane, aveva solo 18 anni e già era intorno alla 40esima posizione al mondo, qualche tempo dopo, già era numero uno.

All'epoca non era così famoso, ma già si vedeva che il suo talento era unico ed inconfondibile" A meno di clamorosi colpi di scena Federer rientrerà a Madrid dopo che a Doha ha disputato 2 incontri, uno vinto contro Daniel Evans (il carnefice di Novak Djokovic nel match di ieri) e l'altro perso contro il poi vincitore del torneo Nikoloz Basilashvili.