Hurkacz: dalla finale con Jannik Sinner ad una cena con Roger Federer



by   |  LETTURE 3949

Hurkacz: dalla finale con Jannik Sinner ad una cena con Roger Federer

Il tennis ha avuto numerosi grandi ambasciatori, ma non ci sono dubbi che Roger Federer sia stato quello più amato dai fan di tutto il mondo. Il fenomeno svizzero ha saputo esprimere un livello altissimo per circa due decenni, durante i quali ha collezionato ben 20 Slam e 103 titoli nel circuito ATP.

Dopo oltre un anno di stop a causa della doppia operazione al ginocchio destro cui si è sottoposto nel 2020, l’ex numero 1 del mondo è tornato in campo a Doha qualche settimana fa raggiungendo i quarti di finale.

In conferenza stampa al Miami Open, torneo al quale Re Roger non ha preso parte, Hubert Hurkacz ha espresso un desiderio riguardante proprio il 39enne di Basilea. Il polacco ha affrontato una sola volta il Maestro a livello ATP, a Indian Wells nel 2019, cedendo in due set ma uscendo dal campo tra gli applausi.

L’auspicio di tanti giocatori è che Federer possa tornare competitivo quanto basta per regalarsi un ultimo ‘stint’ prima di appendere la racchetta al chiodo.

Hurkacz sfiderà Sinner in finale al Miami Open

“Mi piacerebbe tantissimo poter uscire a cena con Roger Federer, Robert Lewandowski, che proviene dalla mia stessa nazione, mentre sono ancora incerto per quanto riguarda il nome della terza persona” – ha scherzato il 24enne.

Hurkacz ha messo in mostra un rendimento fantastico al Miami Open, dove questa sera sfiderà il nostro Jannik Sinner per aggiudicarsi il primo Masters 1000 della stagione. Hubert ha eliminato avversari molto più quotati lungo il suo cammino all’Hard Rock Stadium, tra cui Stefanos Tsitsipas e Andrey Rublev, che molti davano per favoriti in seguito all’eliminazione prematura di Daniil Medvedev.

“Sono felicissimo del livello che ho espresso questa settimana, ma c’è ancora una partita da giocare e cercherò di farlo nel miglior modo possibile. Conosco bene Jannik, abbia disputato insieme il doppio a Dubai la settimana scorsa e adesso ci ritroviamo per il titolo di un Masters 1000. Ha un carattere gentile e disponibile, siamo ottimi amici” – ha raccontato il numero 26 del seeding.