Roger Federer: "La vittoria di Dominic Thiem agli Us Open mi ha reso entusiasta"



by   |  LETTURE 3266

Roger Federer: "La vittoria di Dominic Thiem agli Us Open mi ha reso entusiasta"

Il ritorno in campo di Roger Federer è davvero molto vicino, mancano qualche giorno se non ore ed il tennista svizzero vincitore di 20 titoli del Grande Slam tornerà in campo e proverà nuovamente ad allietare tutti i suoi sostenitori.

C'è molta curiosità però sulle condizioni fisiche del campione svizzero e su come sarà il suo rendimento in campo, dopo ben 14 mesi di assenza. Il suo primo avversario non sarà sicuramente semplice visto che al secondo turno di Doha sfiderà il vincente tra il britannico Daniel Evans ed il francese Jeremy Chardy.

Nel corso della conferenza stampa Roger ha trattato dei suoi obiettivi e delle sue priorità in questi mesi, ecco le sue parole: "Non sono al massimo della forma, ma sto bene. Sarà il ginocchio a determinare entita' del mio ritorno in campo,in questi mesi ho già giocato dei set, contro Dominic Stephan Stricker (giovane svizzero) e contro Daniel Evans.

I match che disputerò fino ad Halle mi aiuteranno a mettere in forma ed il mio obiettivo è tornare a Wimbledon al 100 %, ma attendo con ansia anche i giochi Olimpici e gli Us Open. Mi diverto a giocare a tennis e viaggiare, questa è una sfida con me stesso, voglio vincere di nuovo al meglio"

Roger Federer ed i match visti in tv

Parlando del tempo trascorso dove Roger Federer ha atteso per il suo ritorno in campo, il campione svizzero ha dichiarato: "Ho visto molti match in televisione, vedere Dominic Thiem vincere gli Us Open mi ha reso entusiasta anche se mi è dispiaciuto per Zverev, Rafa è stato straordinario a Parigi mentre Medvedev ha avuto un finale della scorsa stagione incredibile, Rublev mi convince sempre di più.

Djokovic? Lui cerca sempre di fare il meglio per gli altri tennisti, agli Us Open devo dire è stato molto sfortunato. In generale ho sempre voglia di sapere cosa succede nel circuito tennistico, controllo spesso i risultati dei Challenger Atp e del doppio, guardo tennis per ore.

Sono rimasto impressionato dal grande livello di tennis disputato anche senza la presenza di pubblico sugli spalti"