Tsitsipas: "Voglio una carriera come quella di Roger Federer, ecco il perché"



by   |  LETTURE 1937

Tsitsipas: "Voglio una carriera come quella di Roger Federer, ecco il perché"

L'inizio di stagione di Stefanos Tsitsipas è stato abbastanza buono anche se non possiamo dire eccezionale. Il greco è arrivato in semifinale agli Australian Open dove ha ceduto però nettamente al russo Medvedev ed anche a Rotterdam è stato un altro russo ad eliminarlo in semifinale, questa volta però Andrey Rublev.

Nonostante non abbia raggiunto alcun titolo Tsitsipas è tornato nei primi 5 al mondo e questa settimana ha superato, seppure di pochissimi punti, la leggenda del tennis Roger Federer. Intervistato ai microfoni di Tennis Majors, Tsitsipas ha trattato di questo inizio di stagione: "Raggiungere le semifinali agli Australian Open è un ottimo risultato, qualcosa da segnalare, ma onestamente puntavo più in alto.

Questa semifinale non mi ha regalato emozioni come le precedenti, anche se è un ottimo risultato. A poco a poco mi sto avvicinando, raggiungere due semifinali Slam mi aiuta sopratutto in termini di classifica, quindi sono ulteriori vantaggi"

Sulla sconfitta contro Medvedev il greco afferma: "Devo lavorare di più, costruire il mio gioco per essere più completo e non offrire quei punti deboli che ho invece sarò a Medvedev, che, ha dominato nel match.

Dovrò affrontare spesso questi giocatori negli Slam e devo farmi trovare pronto. Affronterò in diversi match futuro Daniil e devo lavorare affinché possa batterlo"

Tsitsipas e le parole su Roger Federer

Sulla sconfitta contro Rublev, Tsitsipas ha invece commentato: "Ci sono alcune sconfitte che fanno più male di altre, sopratutto quando perdi in tornei come gli Slam dove hai messo tanto lavoro e dedizione.

Devo dire che quando perdo negli Slam la sconfitta è più amara, sono sconfitte che si distinguono dalle altre" Tsitsipas ha solo 22 anni e sul suo futuro ha concluso: "Nessuno sa cosa accadrà in futuro, ma vorrei una carriera come quella di Roger Federer.

Non intendo che voglio vincere quanto ha vinto lui, ma mi piacerebbe avere una carriera lunga come la sua e creare grandi ricordi a tutti sia dentro che fuori al campo. Il mio desiderio è, che, quando mi guardo indietro, posso guardare a tutto senza rimpianti e imparando sempre cose nuove. Questo vorrebbe dire che sono maturato al punto giusto"