Roger Federer: "Amo giocare a tennis, alla fine penso sempre che ne è valsa la pena"



by   |  LETTURE 2875

Roger Federer: "Amo giocare a tennis, alla fine penso sempre che ne è valsa la pena"

Dopo quattordici mesi Roger Federer riparte dal torneo Atp di Doha. Nella giornata di ieri è stato ufficializzato il tabellone con lo svizzero che parte come testa di serie numero due del torneo, dietro solo al numero 4 al mondo Dominic Thiem.

Al secondo turno (per Roger al primo c'è il Bye), Roger Federer affronterà la sfida contro il vincente tra Daniel Evans e Jeremy Chardy, una sfida sicuramente insidiosa soprattutto visto la lunga assenza nel circuito dello svizzero.

Ai Quarti di finale il venti volte vincitore di tornei del Grande Slam potrebbe sfidare il croato Borna Coric, avversario che già in passato lo ha sconfitto in un paio di circostanze mentre in semifinale ci potrebbe essere un match molto atteso contro il canadese Denis Shapovalov, la nuova era che affronta la leggenda dello sport.

Dall'altro lato del tabellone ci sono poi Dominic Thiem e Andrey Rublev, probabilmente i principali favoriti del torneo (in attesa di conoscere le vere condizioni di Federer).

Le parole di Roger Federer in conferenza

In vista del ritorno a giocare a Doha Federer ha trattato di vari temi, parlando così: "Il mio migliore amico nel circuito? Ho amici che hanno una famiglia come me e quindi ci ritroviamo a parlare anche di cose personali, al di fuori del tennis.

In questo momento la maggior parte dei miei amici tennisti sono in pensione, non potrei citare uno in particolare, ho un gran rapporto con gli svizzeri e penso quindi sopratutto al rapporto con Stan. È importante avere un buon rapporto con i colleghi, passiamo tante ore e settimane insieme.

Mi piace conoscere e fare amicizia con i ragazzi delle nuove generazioni" Federer ha poi parlato anche della sua motivazione: "Amo giocare a tennis, amo lo sport. Il mio sogno è sempre stato questo, è ciò che ho perseguito per tutta la vita anche se ci sono stati momenti in cui mi mancava la mia casa e la mia famiglia.

Alla fine di ogni giornata ho capito che ne valeva la pena, mi godo il circuito ed il fatto che posso conoscere posti nuovi e persone diverse"