Roger Federer: "Quando affronto Novak Djokovic penso a non perdere"



by   |  LETTURE 4498

Roger Federer: "Quando affronto Novak Djokovic penso a non perdere"

È ormai una questione di ore ma Roger Federer torna finalmente a giocare un match valido per il circuito Atp. Questa notizia fa felice tutti i fan del campione svizzero e non solo, tutti gli appassionati sono felici del ritorno in campo di una leggenda di tale calibro.

In vista del torneo di Doha Roger Federer ha tenuto una conferenza 'particolare' via social, rispondendo alle domande di 20 bambini. Ecco le sue parole: "Rispetto al passato il mio modo di allenarmi è cambiato molto, direi è cambiato negli ultimi 25 anni.

Prima mi allenato circa 4 ore al giorno più una preparazione atletica, questo mi ha abituato a passare tanto tempo in campo e così mantenevo più alta la concentrazione. Oggi non posso più fare così, il mio corpo non tollera più questi allenamenti e nelle ultime settimane mi allenavo in media 2-3 ore, unendo però sia tennis che palestra.

Siamo molto attenti anche per la prevenzione degli infortuni, in generale mi piace allenarmi ed essere in forma, quando ero piccolo non mi piaceva molto, ma ora non mi passa per la testa. Sono un privilegiato" Il 'lavoro' di padre? "Essere padre è una delle cose più importanti della mia vita, abbiamo 4 figli e questo occupa la maggior parte del tempo mio e di mia moglie.

Molte persone non considerano essere genitori come un lavoro ma in un certo senso lo è. Per me è il lavoro più bello del mondo, è fantastico vederli crescere ogni giorno"

Federer su Novak Djokovic

Non poteva mancare la domanda su Novak Djokovic, numero uno al mondo e grande avversario dello svizzero.

A riguardo Federer ha dichiarato: "Ogni volta che affronto Novak Djokovic penso a non perdere. Mi diverto molto quando giochiamo insieme, abbiamo stili di gioco diversi, dipende molto dalla giornata e soprattutto dalla superficie nonché dai nostri ultimi match.

Quando giochi contro i migliori devi tirare fuori la tua parte migliore, non puoi essere calmo, sai che ti risponderà sempre con tutti i suoi colpi, per questo è uno dei migliori tennisti della storia. Ogni volta che lo affronto mi diverto molto"