Woodbridge: "Roger Federer avrebbe meritato molti più titoli al Roland Garros"



by   |  LETTURE 2505

Woodbridge: "Roger Federer avrebbe meritato molti più titoli al Roland Garros"

Ogni volta che un membro dei Big 3 porta a casa uno Slam, si riaccende il dibattito sul migliore di tutti i tempi. Aggiudicandosi per la nona volta agli Australian Open una decina di giorni fa, Novak Djokovic ha ridotto il gap che lo separa dagli eterni rivali Roger Federer e Rafael Nadal nella classifica degli Slam.

Il numero 1 del mondo, che ha intascato il suo 18° Major in carriera, è inoltre già certo di superare il record all-time di settimane in vetta al ranking ATP. Nadal avrà una chance ghiottissima di salire a 21 Slam al Roland Garros tra due mesi e mezzo, anche se Nole ha già manifestato il suo desiderio di cogliere un altro trofeo all’ombra della Torre Eiffel.

Diverso il discorso relativo a Federer, lontano dai campi da oltre un anno per una duplice operazione al ginocchio destro. Il fenomeno svizzero tornerà in campo a Doha la settimana prossima. Nel corso di una recente intervista a Tennis Channel, la leggenda del doppio Todd Woodbridge ha espresso il suo giudizio sul GOAT.

Woodbridge: "Federer è senza dubbio il GOAT"

“Se mi chiedete di scegliere chi è il migliore di sempre per me, non avrei dubbi e sceglierei Roger Federer. Credo che Roger sia il più grande giocatore a tutto campo che si sia mai visto nella storia.

Avrebbe vinto molti più titoli al Roland Garros se non ci fosse stato un marziano assoluto come Rafael Nadal. Il numero di Slam nella bacheca di Roger sarebbe stato ancora più ampio. Per il tennis che riesce a mettere in mostra, Federer è senza dubbio il GOAT” – ha spiegato l’australiano.

Sull’argomento è intervenuto anche il quattro volte campione Slam Jim Courier: “Se togliamo emozioni e popolarità e ci basiamo soltanto sui numeri puri, penso che alla fine il GOAT sarà Novak Djokovic.

Ritengo che – a fine carriera – sarà quello che avrà totalizzato i numeri più significativi. Si vede benissimo che ha una fortissima motivazione a rivendicare questo titolo”.