Corretja: "La magia di Roger Federer è necessaria in un momento come questo"



by   |  LETTURE 1829

Corretja: "La magia di Roger Federer è necessaria in un momento come questo"

Il ritorno in campo di Roger Federer è senza dubbio uno degli eventi più attesi in questo inizio di stagione. Il fenomeno svizzero è lontano dal circuito ormai da oltre un anno e i fan di tutto il mondo aspettano con ansia di poterlo ammirare nuovamente al Qatar Open di Doha fra circa una settimana.

Il nuovo sistema di ranking - introdotto per mitigare gli effetti della pandemia - ha comunque permesso a Re Roger di mantenersi nelle primissime posizioni nonostante il lunghissimo stop. Al contempo, il 39enne di Basilea ha dovuto incassare l’aggancio di Rafael Nadal a quota 20 titoli Slam, dopo che lo spagnolo si è aggiudicato per l’ennesima volta il Roland Garros ad ottobre dello scorso anno.

Federer è destinato a perdere anche il record di settimane in vetta al ranking ATP appannaggio del numero 1 al mondo Novak Djokovic. Nel corso di una recente intervista al portale ‘Sport.es’, l’ex campione spagnolo Alex Corretja ha espresso il suo giudizio sull’imminente rientro del Maestro, che potrebbe essere di aiuto in questo frangente complicato.

Corretja: "Djokovic e Nadal possono battere i record di Federer"

“Il circuito maschile sta diventando sempre più interessante. Rafael Nadal e Roger Federer sono a pari merito con 20 Slam ciascuno, mentre Novak Djokovic li insegue a quota 18.

I Big 3 continuano a dominare nei grandi eventi, in particolare Rafa e Novak, che hanno ottime possibilità di infrangere i record di Federer. I tifosi svizzeri non vedono l’ora di riammirarlo in campo dopo un anno di assenza.

La sua magia è necessaria più che mai in un periodo nerissimo per il mondo in generale” – ha analizzato Corretja. Lo stile di gioco del 20 volte campione Slam è considerato uno dei più elettrizzanti nella storia di questo sport.

L’ex numero 1 del mondo si era già reso autore di un rientro da sogno nel 2017, quando fu in grado di aggiudicarsi gli Australian Open dopo essere rimasto fuori dal circuito per ben sei mesi. Qualche mese dopo sarebbe arrivata anche l’ottava gemma a Wimbledon.