Nalbandian: "Djokovic finirà con più Slam di Roger Federer e Rafael Nadal"



by   |  LETTURE 2385

Nalbandian: "Djokovic finirà con più Slam di Roger Federer e Rafael Nadal"

La nettissima sconfitta patita da Daniil Medvedev nella finale degli Australian Open 2021 contro Novak Djokovic ha rigettato nello sconforto i sostenitori della Next Gen. Il russo aveva espresso un ottimo tennis lungo le due settimane a Melbourne Park, tanto da aver indotto qualche bookmakers a considerarlo favorito dinnanzi al numero 1 del mondo.

La realtà – come ormai noto – si è rivelata ben diversa. Il 33enne serbo si è aggiudicato il suo nono titolo nell’Happy Slam, oltre ad aver lasciato le briciole al giovane moscovita sulla Rod Laver Arena.

Novak Djokovic e Rafael Nadal hanno conquistato 10 degli 11 undici Slam disputati, una statistica che evidenzia la netta superiorità dei Big 3 rispetto alla concorrenza. A metà marzo tornerà in campo anche Roger Federer, assente da oltre un anno per via di una doppia operazione al ginocchio destro.

In una recente intervista concessa al sito dell’ATP, l’ex numero 3 del mondo David Nalbandian ha esortato i Next Gen a non attendere il ritiro dei tre mostri sacri per prendere il comando.

Nalbandian: "I Big 3 non ti fanno giocare come vorresti"

“Roger Federer, Rafael Nadal e Novak Djokovic non perderanno mai la partita da soli, devi essere tu a batterli” – ha esordito l’argentino.

“Devi attuare perfettamente la tua tattica e poi non devi avere sbavature nell’esecuzione. Devi anche considerare che loro spesso non ti faranno giocare come vorresti. La combinazione di tutti questi fattori va ad incidere sul risultato” – ha aggiunto.

Trionfando agli Australian Open, Djokovic si è portato a quota 18 Slam in carriera, a due sole lunghezze di distanza da Roger e Rafa. “Credo che Nole potrebbe vincere il maggior numero di Slam, ha tutte le carte in regola per farcela.

La sua completezza è un qualcosa di incredibile” – ha analizzato Nalbandian. Dominic Thiem è stato l’unico in grado di frapporsi all’egemonia dei tre mostri sacri, dopo aver messo in bacheca il suo primo Major agli US Open lo scorso anno. A dargli una mano ci ha pensato lo stesso Djokovic, clamorosamente squalificato per una pallata ad una giudice di linea.