Stich: “I giovani vogliono battere Federer-Nadal-Djokovic in finale Slam”



by   |  LETTURE 1907

Stich: “I giovani vogliono battere Federer-Nadal-Djokovic in finale Slam”

Nell’ultima partita degli Australian Open 2021, il venticinquenne Daniil Medvedev – già finalista agli Us Open due anni fa – ha affrontato il numero uno del mondo e otto volte campione a Melbourne Novak Djokovic.

Dopo un primo set combattuto e giocato quasi alla pari, il più esperto giocatore di Belgrado ha lasciato le briciole al russo, sconfiggendolo con il punteggio di 7-5 6-2 6-2. Si è trattato del 18° trofeo del Grand Slam per Djokovic, che adesso insegue Roger Federer e Rafael Nadal a due sole distanze dal loro record di 20 successi.

L’ultima volta che un giocatore diverso dai Big 3 ha battuto uno tra Djokovic, Federer e Nadal in una finale Major è stato lo svizzero Stan Wawrinka, agli Us Open 2016.

Michael Stich parla dei Big 3

Vincitore a Wimbledon nel 1991, finalista al Roland Garros ed a Flushing Meadows, il tedesco Michael Stich è stato numero due ATP nel 1993.

Nel corso di una recente intervista, pubblicata anche da Tennis World USA, ha dichiarato: “È chiaro che prima o poi Roger si ritirerà. Molti lo pensavano già cinque anni fa. Noi non abbiamo alcuna influenza su questo.

Vorrei che vincesse Wimbledon e che poi dicesse: ‘Sapete, ho vissuto un periodo negativo, mi fermo’. Non potrebbe esserci niente di meglio, darebbe molto allo sport. Non dovremmo mai sottovalutare Federer perché è un giocatore che dispone di una serie di abilità che gli permette di giocare ancora a tennis alla sua età.

Potrebbe avere il problema che la generazione più giovane ormai non ha più tutto questo rispetto per lui, perché è stato fuori un anno. Il lato mentale gioca un ruolo significativo. Nonostante ciò, rimane un contendente al trofeo di Wimbledon a causa della sua forza mentale all’All England Club e al suo entusiasmo nel potervi giocare.

La cosa bella è che tutti non vedono l’ora che torni in campo e di osservare le cose come vanno. Non ha nulla da perdere. Non deve dimostrare niente a se stesso o ai fan là fuori. Continua a giocare perché crede davvero di poter vincere titoli.

Da spettatore e appassionato, mi auguro naturalmente che il passaggio di consegne avvenga durante il periodo dei Big 3. È obiettivo di tutti i giovani giocatori riuscire a battere Roger Federer, Novak Djokovic e Rafael Nadal in una finale del Grand Slam.

Andy Murray, Juan Martin del Potro e Stan Wawrinka ci sono riusciti. Adesso dipende dalla nuova generazione, non hanno più 19 anni. Oggi ne hanno 22, 23 o 26. Dominic Thiem ce l’ha fatta agli Us Open. La speranza è che loro diano forma attivamente alla transizione, ma questo significa guardare nel futuro.

Abbiamo una generazione in cui tre persone hanno estremamente plasmato questo periodo. Adesso gli altri hanno la possibilità di entrare sotto i riflettori. La generazione successiva seguirà i loro passi; questo non mi preoccupa”. Photo Credit: EssentiallySports