Srdjan Djokovic: "L'Occidente rinnega Nole per Federer e Nadal, ma lui è il migliore"



by   |  LETTURE 5706

Srdjan Djokovic: "L'Occidente rinnega Nole per Federer e Nadal, ma lui è il migliore"

Più volte in passato Srdjan Djokovic, padre del numero uno al mondo e vincitore di 18 titoli del Grande Slam, è stato attaccato dagli addetti ai lavori e dai tifosi, per alcune sue dichiarazioni giudicate eccessive.

Ora, intervistato ai media locali serbi, Srdjan è tornato a parlare, attaccando invece Roger Federer e Rafael Nadal. Ecco le parole dell'uomo: "Tra i Big Three Novak è sempre quello che lasciano costantemente solo, è solo contro gli altri.

Non combatte solo per se stesso ma anche per aiutare gli altri tennisti, cerca di aiutare gli altri ad arrivare alla fine del mese. Ha ottimi modi, è sempre rispettoso verso gli avversari e quando perde saluta sempre il rivale dandogli la mano.

Quale altro atleta fa questo? Raramente ha ricevuto premi per il Fair-play mentre Roger Federer ne ha almeno quindici. I media occidentali si sono concentrati solo su Roger e Rafael Nadal, hanno trascurato Novak e questo forse era l'unico modo per fermarlo.

Alla fine però stanno scoprendo che Novak è infermabile, tutti devono arrendersi all'evidenza e accettare che sia il migliore al mondo. Sembra che lui faccia qualcosa di male quando leggiamo, ma la realtà è che non ha mai dato adito a nessuno e motivi particolari per essere trattato così"

L'attacco di Srdjan Djokovic a Roger Federer

Poi Srdjan prosegue: "Noto che Novak gioca meglio in Cina, li tutto lo amano e sente un amore che non riceve in Occidente. In Europa credono che esistono solo loro, ma sono solo un quinto del pianeta e in Cina, in India, in Russia, in Brasile ed in Africa Nole è come un Dio.

Djokovic si sente a suo agio nel 97 % del mondo e solo nel 3 % del mondo deve incontrare persone frustate dopo occidentali che lo attaccano. Nel momento peggiore del popolo serbo, Dio ha mandato Novak Djokovic a dimostrare che siamo un popolo normale, non dei selvaggi.

Tra un anno e mezzo Novak sarà il migliore della storia, secondo le statistiche. I giovani in arrivo come Medvedev, Rublev, Tsitsipas e Zverev sono molto interessanti ma credo che dovranno aspettare il ritiro dei Big Three per confermarsi come campioni"