Gunthardt: "Quella di Roger Federer è una delle più grandi sfide della storia"



by   |  LETTURE 3064

Gunthardt: "Quella di Roger Federer è una delle più grandi sfide della storia"

Roger Federer farà il suo tanto atteso ritorno nel circuito al Qatar ExxonMobil Open di Doha, che si svolgerà dall’8 al 13 marzo. L’ex numero 1 del mondo è assente da oltre un anno, visto che la sua ultima apparizione ufficiale risale agli Australian Open 2020.

Il fenomeno svizzero ha subito due interventi chirurgici al ginocchio destro e ha saltato quasi per interno la scorsa stagione, resa ancora ostica dalla pandemia che ha sconvolto il mondo intero. Il 20 volte campione Slam ha ribadito che i suoi principali obiettivi saranno Wimbledon e le Olimpiadi di Tokyo, slittate di dodici mesi proprio a causa dell’emergenza Coronavirus.

Tuttavia, la lunga inattività e l’età del Maestro di Basilea hanno indotto diversi fan e addetti ai lavori a mettere in dubbio le sue reali chance di tornare competitivo. Il nuovo sistema di ranking ha permesso a Re Roger di mantenersi nelle primissime posizioni, ma non bisogna dimenticare che Federer compirà 40 anni il prossimo agosto.

In una recente intervista al sito tedesco Tagesanzeigher.ch, Heinz Gunthardt analizzato le prospettive future dell’elvetico.

Gunthardt: "Io sarei ottimista se fossi un suo fan"

“Sarà una delle più grandi sfide che si siano mai viste in questo sport, non ci sono dubbi.

Un paio di fattori devono combinarsi: innanzitutto deve muoversi bene, e poi deve ritrovare fiducia sotto ogni aspetto” – ha spiegato. Dopo il torneo di Doha, Federer si recherà a Dubai per il Duty Free Tennis Championships, in programma la settimana successiva.

“Roger ha le carte in regola per tornare competitivo, ma per restare ad alti livelli dovrà servire benissimo. Chiaramente all’inizio non potrà essere al massimo della forma, è normale, ma la grande domanda è se tornerà a muoversi come faceva prima dei due interventi.

Quali dovrebbero essere le aspettative dei fan? Io sarei ottimista se fossi in loro, sicuramente è meglio che essere pessimisti” – ha aggiunto. Federer è destinato a perdere il record di settimane in vetta al ranking ATP per mano di Novak Djokovic.