Djokovic: "Aver superato il record di Roger Federer cambia i miei programmi"



by   |  LETTURE 9542

Djokovic: "Aver superato il record di Roger Federer cambia i miei programmi"

Novak Djokovic ha conquistato il suo nono titolo agli Australian Open dominando la finale contro Daniil Medvedev. Il numero 1 del mondo, che sembrava ad un passo dal ritiro al terzo round contro Taylor Fritz, ha dimostrato ancora una volta la sua incredibile forza mentale e lo speciale legame con i campi di Melbourne Park.

Grazie al terzo successo consecutivo nell’Happy Slam, il 33enne serbo ha messo in bacheca il suo 18° Major, portandosi a due sole lunghezze di distanza dagli eterni rivali Roger Federer e Rafael Nadal. Il giovane russo, che aveva battuto Nole in tre degli ultimi quattro scontri diretti (incluso l’ultimo alle ATP Finals dello scorso anno), non ha potuto nulla contro una versione deluxe di Djokovic.

Ancora prima di questo successo, il tennista di Belgrado si era già assicurato di battere il record di Federer di settimane in vetta al ranking ATP. In conferenza stampa, il 18 volte campione Slam ha ammesso che – in questa fase della sua carriera – l’attenzione è rivolta quasi esclusivamente ai quattro Major.

Djokovic: "Non ho programmi dopo l'Australian Open"

“Non mi sento vecchio o stanco, ma realisticamente le cose sono diverse per me rispetto a 10 anni fa” – ha esordito Novak. “Devo essere più accorto nella programmazione e raggiungere il picco al momento giusto.

Gli Slam sono i tornei in cui voglio essere in grado di dare il massimo. Dopo aver acquisito la certezza di battere il record di settimane in vetta alla classifica, sarò più rilassato e mi concentrerò principalmente sugli Slam.

Quando hai il numero 1 come obiettivo, devi giocare per tutta la stagione e non puoi concederti pause durante l’anno. I miei obiettivi cambieranno un po’ dopo questo risultato. Avrò l’opportunità di adeguare il calendario alle mie esigenze di padre e marito.

A giudicare da quello che stiamo vedendo in tutto il mondo, portare la famiglia in viaggio sarà un compito molto difficile. Dovrò aspettare di vedere come evolve la situazione. La verità è che non ho preso alcun impegno dopo gli Australian Open” – ha aggiunto.