Courier: "Djokovic ha una grande sfortuna rispetto a Roger Federer e Nadal"



by   |  LETTURE 9499

Courier: "Djokovic ha una grande sfortuna rispetto a Roger Federer e Nadal"

Come spesso gli è accaduto negli ultimi dodici mesi, Novak Djokovic è finito nell’occhio del ciclone per alcune sue iniziative extra-tennis. La lettera inviata dal numero 1 del mondo al CEO di Tennis Australia Craig Tiley, in cui si richiedeva un allentamento delle restrizioni previste a Melbourne, non è stata particolarmente gradita dall’opinione pubblica australiana.

Molti hanno definito il 17 volte campione Slam come egoista e insensibile, mentre altri si sono domandati se il serbo abbia piena consapevolezza dei gravi effetti della pandemia globale. Lo stesso Tiley ha provato a smorzare le polemiche schierandosi in difesa di Nole, seguiti da leggende del calibro di Boris Becker e Chris Evert, che hanno lodato le intenzioni del 33enne di Belgrado.

Nelle ultime ore, un altro ex numero 1 ATP si è aggiunto alla schiera dei suoi sostenitori. In un’intervista a Wide World of Sports, il quattro volte campione Slam Jim Courier ha affermato che Djokovic ha fatto tutto ciò che era nelle sue possibilità per tentare di aiutare i suoi colleghi.

Courier: "Djokovic è sensibile all'opinione pubblica"

“Novak Djokovic ha fatto tutto il possibile per aiutare gli altri giocatori che si trovano a Melbourne. Novak è un leader, ma come al solito le sue parole sono state travisate e strumentalizzate nel modo sbagliato.

Spero che il pubblico australiano gli conceda un’altra opportunità” – ha spiegato Courier. L’americano ritiene che – pur avendo conquistato ben 17 Slam – Djokovic non si senta ancora abbastanza amato dai fan.

La presenza nella stessa epoca di Roger Federer e Rafael Nadal non gli ha certo dato una mano in questo senso. “Nole è molto sensibile all’opinione pubblica. Spende tante energie cercando di portare la gente dalla sua parte, il che dovrebbe essere naturale per quanto ha ottenuto sul campo da tennis.

Probabilmente ha avuto la sfortuna di inserirsi in un’epoca in cui le persone hanno deciso di essere necessariamente fan di Roger Federer o in alternativa di Rafael Nadal. Non c’è spazio per lui” – ha concluso.