Simon su Wimbledon 2019: "Assurdo mettere in dubbio le scelte di Roger Federer"



by   |  LETTURE 2721

Simon su Wimbledon 2019: "Assurdo mettere in dubbio le scelte di Roger Federer"

La finale di Wimbledon 2019 resterà sicuramente nella storia del tennis ed ancora oggi, a circa un anno e mezzo di distanza, è impressa nella mente degli appassionati e sopratutto dei tifosi del campione svizzero Roger Federer.

Questi, vincitore di 20 titoli dello Slam, si trovò ad avere due match point sul proprio servizio sull'8-7 e spreco' clamorosamente quell'opportunita' regalando la vittoria al serbo Novak Djokovic. Nel corso di uno show chiamato Major Talk il tennista francese Gilles Simon è tornato su quella sfida ed ha parlato cosi riguardo le scelte del campione svizzero.

Gilles Simon su Roger Federer

Nel corso dell'intervista l'esperto francese ha dichiarato: "Ho sentito tante volte queste parole, 'perche' Roger Federer non ha servito con serve and volley sui match point contro Djokovic? Sono tanti a dire ciò, ma adesso iniziamo anche a criticare le scelte in campo di un campione come Roger? Se qualcuno sa cosa fare, quello è certamente lui.

Non si può mettere in dubbio Federer, è un tennista che ha disputato tanti match e vinto diversi Slam giocando in questo modo. Quando si tratta di vivere i momenti cruciali lui, come Rafael Nadal e Novak Djokovic sono più forti di me e degli altri tennisti del circuito"

Simon ha chiarito alcuni degli aspetti che portano i Big Three a essere considerati superiori rispetto agli altri tennisti del circuito ed ha considerato sicuramente la capacità di giocare sotto pressione come fondamentale.

Nei precedenti contro i Big Three, il tennista francese è nettamente sotto visto che si trova 1-11 contro Novak Djokovic, 1-8 contro Rafael Nadal e 2-7 contro Roger Federer. In questo momento il campione svizzero è fermo a causa di un infortunio che lo tiene fermo dalla scorsa stagione e per la precisione Roger non disputa un match ufficiale da ormai oltre un anno, visto l'impegno avvenuto a gennaio in semifinale degli Australian Open contro il rivale di sempre Novak Djokovic.

La sua presenza agli Australian Open 2021 è stata in dubbio fino a qualche settimana fa quando il suo manager Tony Godsick ha annunciato difatti che lui non avrebbe partecipato a Melbourne.