Rodionov: "È pazzesco ciò che Roger Federer, Nadal e Djokovic riescono a fare"



by   |  LETTURE 1157

Rodionov: "È pazzesco ciò che Roger Federer, Nadal e Djokovic riescono a fare"

Trionfando agli US Open lo scorso anno, Dominic Thiem è diventato il primo giocatore nato negli anni ’90 a mettere uno Slam in bacheca. L’austriaco, che già ci era andato molto vicino agli Australian Open, ha sfruttato le assenze di Roger Federer e Rafael Nadal e la clamorosa squalifica di Novak Djokovic per aggiudicarsi il titolo più importante di tutta la sua carriera.

Il numero 3 del mondo ha sfiorato il colpaccio anche alle Nitto ATP Finals di Londra, dove soltanto uno scatenato Daniil Medvedev gli ha impedito di sollevare il trofeo. Il pupillo di Nicolas Massu sarà certamente uno degli uomini più attesi a Melbourne Park, dove l’8 febbraio cominceranno gli Australian Open.

Thiem ha avuto il privilegio di effettuare la quarantena ad Adelaide, con misure meno restrittive rispetto ai giocatori che si trovano negli hotel di Melbourne. Nel corso di una recente intervista a Tennisnet, il suo connazionale Jurij Rodionov ha spiegato come Dominic sia ormai nel pieno della sua carriera a 27 anni.

L’attuale numero 144 ATP, che spesso lavora con Wolfgang Thiem, ritiene che i Big 3 dovranno fare grande attenzione negli Slam.

Rodionov: "Thiem è nel pieno della sua carriera"

“Dominic Thiem ora è sempre un potenziale candidato per il titolo negli Slam.

La sua forma fisica è eccezionale, il suo tennis è migliorato parecchio e ha acquisito grande fiducia negli ultimi due anni. Adesso riesce ad esprimere il suo miglior tennis con più continuità rispetto al passato” – ha dichiarato Rodionov.

“L’impressione generale è che più i Big 3 invecchiano e maggiori sono le chance per i giovani. Tuttavia, bisogna considerare che i veterani se la stanno cavando egregiamente per l’età che hanno.

Federer ha 39 anni, Nadal 34 e Djokovic 33: è davvero incredibile quello che ancora riescono a fare questi tre mostri sacri. Tra i potenziali vincitori Slam c’è anche Daniil Medvedev, che ha un tennis poco convenzionale ma molto efficace. Riesce a mettere a disagio i suoi avversari” – ha concluso.