Roger Federer: "Mi conforta saper fare qualcosa di buono nella vita"



by   |  LETTURE 1793

Roger Federer: "Mi conforta saper fare qualcosa di buono nella vita"

Nonostante sia lontano dal circuito da ormai quasi un anno, Roger Federer si è comunque tenuto impegnato fra interviste e spot pubblicitari. L’ultimo torneo ufficiale disputato dal fenomeno svizzero risale agli Australian Open 2020, dove si è arreso in semifinale al futuro vincitore Novak Djokovic.

L’ex numero 1 del mondo si è recato poi in Sudafrica per un’esibizione benefica con l’eterno rivale Rafael Nadal, sancendo in tal modo il nuovo record di spettatori per un match di tennis e raccogliendo 3.5 milioni di dollari destinati in beneficenza.

Sono in molti – sia tra i fan che tra gli addetti ai lavori – a domandarsi se il veterano di Basilea sarà effettivamente in grado di tornare competitivo a quasi 40 anni e dopo due operazioni al ginocchio.

Il 20 volte campione Slam punterà ad arrivare al 100% agli appuntamenti estivi, con Wimbledon e le Olimpiadi di Tokyo che potrebbero anche rappresentare gli ultimi sforzi della sua incredibile carriera. In un video pubblicato da uno dei suoi sponsor principali, Credit Suisse, il 39enne elvetico ha confidato di ricevere domande sul suo ritiro da più di un decennio.

Federer: "Ho capito che volevo ottenere ancora di più"

“È dal 2009 che le persone mi chiedono quando smetterò di giocare. Quell’anno sono stato in grado di vincere il Roland Garros e Wimbledon, quindi sarebbe stato facile chiudere la mia carriera in quel momento.

Mi sono guardato allo specchio e mi sono chiesto se volessi ottenere qualcosa di più. La risposta è stata affermativa” – ha raccontato Federer. “Vengo interrogato spesso sul ritiro e sono consapevole di non poter giocare a tennis per sempre, ma sono felice di saper fare qualcosa di buono nella vita.

Adoro ancora trascorrere del tempo sul campo. Per certi versi, sento di essere ancora all’inizio del mio viaggio” – ha aggiunto. Re Roger, che non sarà agli Australian Open per la prima volta nelle ultime 23 edizioni, potrebbe fare il suo ritorno a Rotterdam nella prima settimana di marzo, dove è stata confermata la presenza di Rafael Nadal.