Tsonga: "È motivo di orgoglio aver battuto Roger Federer, Nadal e Djokovic"



by   |  LETTURE 1149

Tsonga: "È motivo di orgoglio aver battuto Roger Federer, Nadal e Djokovic"

Jo-Wilfried Tsonga rientra sicuramente nella categoria dei giocatori che avrebbero meritato maggior fortuna. Il veterano francese, che ha comunque raggiunto un best ranking di numero 5 ATP, ha sofferto particolarmente il dominio di Roger Federer, Rafael Nadal e Novak Djokovic.

Il transalpino vanta come miglior risultato la finale agli Australian Open 2008, dove è stato Djokovic ad impedirgli di mettere in bacheca un titolo del Grande Slam. Una serie di infortuni hanno condizionato la carriera di Jo negli ultimi anni, obbligandolo a lunghi periodi lontano dal campo.

Le statistiche testimoniano che Tsonga – nei suoi anni migliori – ha rappresentato una seria minaccia anche per i Big 3. Il suo bilancio recita infatti 6-12 negli head-to-head con Federer, 4-10 contro Rafael Nadal e 6-17 contro Djokovic (uscito però vittorioso nelle ultime 15 occasioni).

Come ciliegina sulla torta, in molti ricorderanno la sensazionale rimonta di Jo ai danni di Federer nei quarti di Wimbledon 2011, quando fu in grado di risalire la china da due set a zero di svantaggio. Intervenuto nel podcast ‘COURTS Mag’, il tennista di Le Mans ha ammesso senza mezzi termini che gli sarebbe piaciuto giocare in un’era priva dei tre mostri sacri.

Tsonga: "Abbiamo giocato in un'era pazzesca"

“Devo essere sincero: mi sarebbe piaciuto se Roger Federer, Rafael Nadal e Novak Djokovic non fossero capitati nella mia stessa epoca. Quando arrivi al numero 5 del mondo, dici a te stesso: ‘Se non ci fossero quei tre, starei ancora meglio’” – ha scherzato Tsonga.

“Allo stesso tempo, quando le persone vengono da me e dicono: ‘È stato difficile giocare contro Federer?’, io rispondo: ‘Sì, ma a volte sono riuscito a batterlo’. È un motivo di orgoglio per me.

Lo stesso vale per i miei successi contro Nadal, Djokovic, Murray e tutti gli altri. Abbiamo giocato in un’era assolutamente pazzesca!” – ha aggiunto. Djokovic e Nadal saranno gli uomini da battere anche nel 2021, mentre Federer dovrebbe tornare in campo subito dopo gli Australian Open (a Rotterdam o Dubai).