Graf: "Roger Federer è sempre stato attento a non commettere passi falsi"



by   |  LETTURE 2011

Graf: "Roger Federer è sempre stato attento a non commettere passi falsi"

Gli appassionati di tennis iniziano a sentire sempre di più la mancanza di Roger Federer, lontano dal circuito ormai da quasi un anno. L’ultima apparizione ufficiale del 20 volte campione Slam risale infatti agli Australian Open dello scorso anno, quando raggiunse la semifinale perdendo in tre set dal futuro vincitore Novak Djokovic.

La doppia operazione al ginocchio destro ha messo a dura prova il fisico di Re Roger, che aveva in programma di tornare a Melbourne tra meno di un mese. Complici anche le rigide misure imposte dal governo australiano – unite alle non perfette condizioni del suo ginocchio – il 39enne svizzero ha deciso di posticipare il suo rientro in campo (che potrebbe avvenire a Rotterdam o a Dubai nel mese di marzo).

Nel frattempo, il noto giornalista sportivo Simon Graf è apparso nell’ultima edizione del podcast ‘Tennis with an Accent’, dove ha spiegato come l’influenza di Federer nel suo paese sia aumentata in maniera esponenziale con il passare del tempo.

Graf: "Federer è lo sportivo ideale"

“Roger Federer è il più grande atleta che la Svizzera abbia mai avuto” – ha esordito Graf. “Non c’è nessuno che sia paragonabile a lui.

C’è stato un lungo periodo in cui le persone erano abituate a vederlo sempre vincere, forse si annoiavano anche un pochino. Quando ha iniziato a perdere più spesso con l’avanzare dell’età, la gente si è avvicinata a lui ancora di più perché non era più il favorito” – ha proseguito.

L’eleganza dell’ex numero 1 del mondo sia dentro che fuori dal campo ha contribuito ad alimentarne la popolarità. “Credo che Federer sia lo sportivo ideale. Non è mai stato coinvolto in scandali e fin dall’inizio era ben consapevole dell’importanza dell’immagine.

Si comporta sempre nel migliore dei modi. Non si è mai reso protagonista di passi falsi fuori dal campo. Per questo è benvoluto da tutti” – ha concluso Graf. Il nuovo sistema di ranking ha permesso all’elvetico di mantenere un posto nella Top 5.