Campione F1: "È disumano che Roger Federer e Rafael Nadal siano ancora competitivi"



by   |  LETTURE 4753

Campione F1: "È disumano che Roger Federer e Rafael Nadal siano ancora competitivi"

Oltre ad essersi aggiudicati la bellezza di 57 Slam complessivi, I Big 3 hanno monopolizzato il tifo in ogni angolo del mondo. Roger Federer è senz’altro il più amato grazie ad uno stile unico sia dentro che fuori dal campo, mentre la sua nemesi Rafael Nadal è riuscito a farsi apprezzare per il suo carisma e la sua umiltà fuori dal comune.

Discorso diverso per il numero 1 del mondo Novak Djokovic, che ha sempre sofferto la popolarità nettamente inferiore rispetto ai due eterni rivali. Il fenomeno serbo ha ottime chance di superare il record all-time di settimane in vetta al ranking ATP, potendo anche contare sul fatto di essere più giovane rispetto allo svizzero e allo spagnolo.

Alcuni appassionati si trovano in difficoltà quando si tratta di scegliere un nome fra i tre mostri sacri. Jenson Button, campione del mondo di F1 nel 2009, è un grande appassionato di tennis e si vede spesso in tribuna a Wimbledon.

Durante una lunga intervista a Tennis365, il britannico ha espresso il suo sconfinato apprezzamento per Federer e Nadal.

Button: "Non ce la faccio a scegliere tra Federer e Nadal"

“Non ce la faccio a scegliere solo uno tra Roger Federer e Rafael Nadal.

Sono entrambi degli atleti incredibili e abbiamo avuto una fortuna immensa a poterli ammirare da vicino nel corso degli anni” – ha dichiarato Button. “Ci hanno trasmesso la sensazione che potessero giocare a tennis per sempre.

Vederli ancora competitivi in questa fase della loro carriera è semplicemente fantastico. Quando entrambi raggiungono la finale di un torneo, si percepisce un così grande rispetto reciproco da far venire la pelle d’oca” – ha proseguito.

Non sono mancati gli elogi per Novak Djokovic: “È un campione sensazionale. Potrà aver commesso delle sciocchezze negli ultimi tempi attirandosi delle critiche, ma stiamo parlando di un atleta assolutamente pazzesco.

Ero in tribuna quando ha vinto il suo primo Wimbledon nel 2011. Mi piacerebbe spendere qualche parola anche per Andy Murray. In pochi si rendono conto della sua grandezza, è stato in grado di vincere tantissimo nell’era dei Big 3”.