Soderling: "Roger Federer ha la capacità di far giocare male gli avversari"



by   |  LETTURE 1878

Soderling: "Roger Federer ha la capacità di far giocare male gli avversari"

Robin Soderling è l’unico giocatore insieme a Novak Djokovic a potersi vantare di aver sconfitto Rafael Nadal al Roland Garros, nel quarto round dell’edizione 2009. Lo svedese si è poi arreso nettamente in finale a Roger Federer, consentendo al fenomeno svizzero di aggiudicarsi il suo primo titolo a Parigi dopo tante delusioni.

Il due volte finalista nella capitale francese considera Roger l’avversario più duro che abbia mai dovuto affrontare. Intervenuto nel podcast ‘The Functional Tennis’, Robin ha confidato di essersi sempre trovato poco a suo agio con il 20 volte campione Slam, battuto in una sola occasione (al Roland Garros 2010).

Soderling ha infatti raggiunto l’ultimo atto al Roland Garros anche nel 2010, ma stavolta Nadal non ha fatto sconti e si è preso la rivincita dell’anno precedente. L’ex numero 4 del mondo è stato costretto ad un ritiro prematuro da una grave forma di mononucleosi, che gli ha sostanzialmente impedito di tornare in campo nonostante gli innumerevoli sforzi effettuati.

Soderling: "Federer non mi permetteva di giocare bene"

“Mentalmente è stato davvero complicato per me. Nel 2009 stavo giocando la mia prima finale in uno Slam, era accaduto tutto molto rapidamente. Di fronte avevo Roger Federer, che già allora aveva disputato moltissime finali Slam.

Ho affrontato tante volte i migliori giocatori al mondo e lì ho anche battuti a volte, ma contro Roger è andata quasi sempre male. Per me è stato l’avversario più difficile con cui fare i conti.

Non dico che sia migliore di Rafael Nadal e Novak Djokovic, ma il suo tipo di gioco era il più fastidioso per me. In tante delle sfide con Federer, sono uscito dal campo pensando di aver giocato davvero male. Era lui che non mi permetteva di esprimere il mio tennis.

Contro Rafa e Novak, anche se perdevo, sentivo di aver disputato un buon match, solo che loro erano stati più forti” – ha analizzato Soderling, che ha seguito per un periodo l’astro nascente del tennis svedese Elias Ymer.