Agassi elogia Roger Federer: "Ho capito subito che sarebbe diventato il migliore"



by   |  LETTURE 4261

Agassi elogia Roger Federer: "Ho capito subito che sarebbe diventato il migliore"

Parlare di un giovane e rampante Roger Federer che alla fine degli anni '90 si apprestava a compiere i primi passi nel tennis dei grandi proprio quando siamo alle porte di quello che potrebbe (verosimilmente) essere il suo ultimo anno di circuito può apparire paradossale o almeno nostalgico.

Eppure snocciolare ricordi ed esperienze passate è un po' la moda del momento e i grandi tennisti non si tirano indietro, anzi, sono felici di regalare a fan e addetti ai lavori aneddoti e personali opinioni sul mondo di oggi e quello di ieri.

Recentemente è stato il turno di Andre Agassi, straordinario campione americano, capace, grazie alla sua longevità di scontrarsi diverse volte con alcuni tennisti ancora in circolazione, su tutti Roger Federer.

Agassi e moglie, la mitica Steffi Graff, sono stati virtualmente ospitati nel salotto di The Hindustan Times, media indiano, per parlare della situazione pandemica e del riflesso che questa ha avuto sul mondo del tennis.

Tuttavia, come prevedibile, le domande sulla carriera del campione americano non sono mancate, così Agassi ha volentieri condiviso con il pubblico il racconto di tante esprienze personali. Ad un certo punto il suo libro dei ricordi si è aperto al capitolo di Roger Federer e le sue parole nei confronti del fenomeno elvetico sono state colme di ammirazione, specialmente quando Andre ha rispolverato le sue sensazioni durante il primo incontro che i due disputarono nel '98, quando un giovane Federer fu sconfitto 6-3 6-2.

Ecco le parole al miele di Andre Agassi

“Me lo ricordo bene. E guardando indietro, ora posso dirvi come mi sentivo dentro di me quel giorno. Quando ho colpito la palla contro Roger, ho pensato tra me e me che stavo affrontando il futuro più grande giocatore di tutti i tempi, che sarebbe stato il più grande.

Non so come spiegarlo, ma sono sono cose che riesci a sentire, a percepire" – ha dichiarato l’otto volte campione slam. Doveroso ricordare che, nonostante quella fra Roger e Andre non sia stata una vera a propria rivalità, sia per motivi anagrafici che statistici, il destino non ha lesinato a metterli uno contro l’altro; infatti fra i due si sono consumati ben 11 incontri di cui 8 sono stati vinti dal futuro 20 volte campione majour.