Simon: "Roger Federer è diventato l'eroe di mio figlio dal 2017"



by   |  LETTURE 3229

Simon: "Roger Federer è diventato l'eroe di mio figlio dal 2017"

Il nome di Roger Federer risplende nella mente e nel cuore di quasi tutti gli appassionati di tennis nel mondo. Accanto alle sue straordinarie imprese sul campo e ai tantissimi record collezionati, il fenomeno svizzero si è distinto anche per uno stile impeccabile fuori dal rettangolo di gioco.

L’ex numero 1 del mondo ha disputato un solo torneo ufficiale nel 2020, gli Australian Open, dove ha raggiunto quasi miracolosamente le semifinali dopo aver rischiato sia contro John Millman che contro Tennys Sandgren nei quarti.

Il 39enne di Basilea, menomato da un problema all’inguine, si è arreso al futuro vincitore del torneo Novak Djokovic in tre set. Roger si è recato poi a Città del Capo per una storica esibizione benefica con l’amico e rivale Rafael Nadal, che ha sancito il nuovo record di spettatori per un match di tennis.

In pochi immaginavano che Federer si sarebbe operato per due volte al ginocchio destro nei mesi successivi chiudendo anzitempo la sua stagione. Come già aveva fatto nel 2016, l’elvetico ha deciso di non forzare i tempi di recupero prendendosi tutto il tempo necessario per tornare al 100% della forma.

Se non ci saranno ulteriori intoppi, il 20 volte campione Slam farà il suo rientro agli Australian Open tra meno di due mesi. Nel corso di una recente intervista a Blick, il veterano francese Gilles Simon ha ammesso che suo figlio è un grandissimo estimatore di Re Roger.

Simon: "Mio figlio tifava per Nadal all'inizio"

“Mia moglie è sempre stata una grande fan di Rafael Nadal e anche mio figlio tifava per lui all’inizio. Poi – nel 2017 – Federer ha sconfitto Nadal in cinque set nella finale degli Australian Open.

Mio figlio Timothée era arrabbiato in un primo momento, ma poi ha dovuto riconoscere che Federer era stato superiore. Da allora, Roger è diventato il suo eroe, nessuno può reggere il confronto con lui. Nemmeno io.

Me lo ha ripetuto anche quando l’ho affrontato a Basilea un paio di anni fa. I bambini sono così” – ha scherzato ‘Gillou’.