Simon: "Lo splendore di Roger Federer è incredibile, tutti lo conoscono"



by   |  LETTURE 4484

Simon: "Lo splendore di Roger Federer è incredibile, tutti lo conoscono"

Il 13° successo al Roland Garros ha permesso a Rafael Nadal di eguagliare il suo eterno rivale Roger Federer a quota 20 titoli dello Slam. Il numero 1 del mondo Novak Djokovic dista solo tre lunghezze dai due eterni rivali, oltre ad essersi quasi garantito la certezza di superare il record di settimane dello svizzero in vetta al ranking ATP.

Gli avvicendamenti di quest’anno hanno riacceso il dibattito sul più grande di sempre, ma non ci sono dubbi che Federer passerà comunque alla storia come il tennista più amato di ogni epoca. Il fenomeno di Basilea si è operato per ben due volte al ginocchio destro nel 2020, disputando gli Australian Open come unico torneo ufficiale in questa terribile stagione.

Nel corso di una lunga intervista al tabloid Blick, il veterano francese Gilles Simon ha rifiutato di scegliere il GOAT, ma ha spiegato come i record del 20 volte campione Slam siano destinati inevitabilmente ad essere battuti un giorno.

Simon: "Federer è un genio"

“Non si tratta di individuare il giocatore perfetto. L’educazione dei bambini dovrebbe essere individuale, perché non esiste un modello buono o cattivo quando si parla di tennis” – ha esordito l’ex top 10.

‘Gillou’ ha ammesso però che lo stile di Federer lo porta ad essere amato in ogni angolo del mondo. “Il suo splendore è incredibile, tutti lo conoscono, anche quelli che non hanno mai tenuto una racchetta in mano.

A poco a poco, tuttavia, ci rendiamo conto che qualcuno batterà i suoi record prima o poi. Forse allora questa follia ideologica di dover diventare tutti come Federer terminerà finalmente. Non ci sono dubbi che sia un genio, ma dobbiamo diventare tutti idioti per imitarlo? Ognuno ha il suo stile e il suo modo per arrivare a vincere.

Federer, Nadal e Djokovic sono tutti e tre fantastici per la storia del nostro sport” – ha ammonito il transalpino. Federer dovrebbe fare il suo ritorno in campo agli Australian Open 2021, Coronavirus permettendo. Il primo Slam stagionale potrebbe infatti essere rinviato di un paio di settimane.