Zio Toni: "Roger Federer, Nadal e Djokovic non cederanno facilmente lo scettro"



by   |  LETTURE 3242

Zio Toni: "Roger Federer, Nadal e Djokovic non cederanno facilmente lo scettro"

Nonostante la pandemia globale abbia messo in ginocchio anche il mondo del tennis, il 2020 ha comunque riservato delle soddisfazioni a Rafael Nadal. Il fenomeno spagnolo, che aveva salutato il tennis a marzo vincendo il torneo di Acapulco, ha deciso di saltare la trasferta negli Stati Uniti alla ripresa del circuito.

L’ex numero 1 del mondo è uscito prematuramente di scena agli Internazionali BNL d’Italia, ma si è riscattato con gli interessi al Roland Garros, dove le condizioni avverse non gli hanno impedito di mettere in bacheca il suo 13° titolo.

Grazie a questo successo, Nadal ha coronato il suo inseguimento eguagliando il record di 20 Slam dell’eterno rivale Roger Federer. Sulle colonne del quotidiano ‘El Pais’, suo zio Toni ha definito positiva la stagione del nipote, pur lasciando trasparire un certo rammarico per l’occasione sciupata alle ATP Finals di Londra.

Toni Nadal: "I Next Gen sono ormai vicinissimi"

“Considerando la stranezza di questa stagione, la definirei come un’annata positiva per Rafael Nadal. Il trionfo al Roland Garros giustifica pienamente questa mia affermazione.

Inoltre, il rendimento espresso sia a Parigi che a Londra mi fa sperare in un 2021 entusiasmante. Potrà ancora vincere titoli importanti” – ha scritto il 59enne spagnolo. “Sono convinto che il passo avanti compiuto da Dominic Thiem, Daniil Medvedev, Stefanos Tsitsipas e Alexander Zverev, sia ormai definitivo.

Allo stesso tempo, credo che Federer, Nadal e Djokovic saranno in grado di lottare almeno un altro anno per i trofei più importanti” – ha aggiunto. Il maiorchino si è fatto rimontare da Medvedev nella semifinale delle ATP Finals.

“Dopo aver fallito la chance di chiudere nel secondo set, ho avuto l’impressione che la stanchezza gli abbia impedito di mantenere la stessa intensità nel terzo. Come spesso gli è successo durante la sua carriera, Rafael non è riuscito a concludere una magnifica stagione con il tocco finale” – ha analizzato Toni.

Il 34enne di Manacor ha già promesso battaglia nel 2021, evidenziando la stessa motivazione che lo ha sempre accompagnato.