Medvedev: "La presenza di Roger Federer, Nadal e Djokovic rende tutto più difficile"



by   |  LETTURE 4154

Medvedev: "La presenza di Roger Federer, Nadal e Djokovic rende tutto più difficile"

Daniil Medvedev è stato il grande dominatore del circuito maschile nel mese di novembre, non avendo perso nemmeno una partita tra il Masters 1000 di Parigi-Bercy e le Nitto ATP Finals di Londra. Pur avendo battuto Novak Djokovic, Rafael Nadal e Dominic Thiem nel Torneo dei Maestri, il giocatore russo ritiene di essere ancora lontano dal vertice della classifica.

Nonostante il margine fra i Big 3 e il resto dei giocatori si sia senza dubbio assottigliato, Djokovic si è aggiudicato gli Australian Open ad inizio anno e Nadal ha conquistato il Roland Garros senza cedere nemmeno un set.

Il 2021 sancirà anche il rientro nel tour di Roger Federer, che quest’anno ha disputato soltanto l’Australian Open prima di operarsi per ben due volte al ginocchio destro. Medvedev ha rilasciato una lunga intervista al portale online TASS, in cui ha ammesso come il gap dalla vetta sia ancora piuttosto sostanzioso.

Il numero 4 del mondo dovrà sicuramente migliorare il suo rendimento negli Slam rispetto a quest’anno.

Medvedev: "La strada per il numero 1 è ancora lunga"

“È ancora lunga la strada per arrivare in cima al ranking ATP.

Tutto dipende da me, è chiaro che se riesco ad esprimere lo stesso rendimento di Parigi e Londra, ho maggiori possibilità di arrivare al vertice” – ha dichiarato Medvedev. “Devi essere il migliore di tutti nell’arco di una stagione per diventare il numero 1 al mondo e – a volte – 8000 punti possono essere sufficienti.

In altre occasioni, non sono stati sufficienti nemmeno 12.000 punti” – ha aggiunto il finalista degli US Open 2019. La presenza di Roger Federer, Rafael Nadal e Novak Djokovic rende il compito più difficile per tutti gli altri.

“Sarà sempre difficile raggiungere questo traguardo fino a quando Federer, Nadal e Djokovic saranno in campo. Cercherò di fare del mio meglio per raggiungere quest’obiettivo” – ha concluso il giovane moscovita.

L’edizione 2021 degli Australian Open sarà una delle più attese degli ultimi anni, sperando che il Coronavirus conceda finalmente una tregua.