Roddick: "Speriamo di rivedere almeno un pizzico del Roger Federer che conosciamo"



by   |  LETTURE 2371

Roddick: "Speriamo di rivedere almeno un pizzico del Roger Federer che conosciamo"

Andy Roddick, Paul Annacone e Jim Courier si sono recentemente scambiati qualche opinione sulle possibilità di Roger Federer di tornare al vertice nel 2021. Il fenomeno svizzero ha disputato un solo torneo ufficiale nel 2020, optando poi per una duplice operazione al ginocchio destro che lo ha indotto a chiudere anticipatamente la sua stagione.

L’ex numero 1 del mondo ha dovuto anche subire l’aggancio del suo eterno rivale Rafael Nadal a quota 20 Slam, mentre Novak Djokovic – grazie al nuovo sistema di ranking – ha ottime chance di superare il record di Federer di settimane in vetta alla classifica ATP.

I grandi obiettivi di Re Roger saranno Wimbledon e le Olimpiadi di Tokyo, due eventi che quest’anno non si sono potuti organizzare a causa della pandemia globale. Parlando su Tennis Channel, il suo amico ed ex rivale Andy Roddick ha sottolineato come il rendimento di Federer agli Australian Open dipenderà molto dalla velocità dei campi a Melbourne Park.

Roddick: "Federer spera di trovare campi veloci a Melbourne"

“Credo che Roger Federer nutra la speranza di trovare campi molto veloci quando arriverà in Australia” – ha esordito il tre volte finalista di Wimbledon.

“Questo renderebbe molto più facile l’attuazione del suo piano di gioco. Gli scambi diventerebbero più brevi e non sarebbe costretto a fronteggiare numerosi scambi lunghi come quest’anno” – ha aggiunto.

Sebbene l’americano si auguri di rivedere Federer ai livelli che gli competono, ha invitato alla cautela dopo che il 39enne di Basilea si è sottoposto a due delicati interventi al ginocchio. “Mi piacerebbe rivederlo al top e penso che sia il desiderio di tutti gli appassionati di tennis.

Sarebbe bello anche solo riammirare una parte del Federer che conosciamo. Gli interventi al ginocchio non sono qualcosa di leggero, quindi bisognerà aspettare e vedere come andranno le cose. Dobbiamo anche considerare che ha 39 anni, il che non renderà il suo percorso più semplice” – ha concluso.

Nel 2017, dopo oltre sei mesi di stop, Federer scioccò il mondo intero vincendo il suo 18° Major agli Australian Open.