Medvedev: "È sempre un grande piacere giocare contro Federer, Djokovic e Nadal"



by   |  LETTURE 3992

Medvedev: "È sempre un grande piacere giocare contro Federer, Djokovic e Nadal"

Considerando le sconfitte subite da Novak Djokovic e Rafael Nadal alle semifinali delle ATP Finals e l’infortunio che ha costretto Roger Federer a saltare gran parte del 2020, molti appassionati di tennis sentono che il cambio di generazione sia più vicino che mai.

Dominic Thiem e Daniil Medvedev hanno dimostrato di essere cresciuti sotto molti punti di vista e di poter lottare alla pari con i Big Three, almeno nei tornei al meglio dei tre set. Interrogati sull’argomento nel corso delle rispettive conferenze stampa, l’austriaco ed il russo si sono espressi con molto rispetto nei confronti delle tre leggende che continuano a sorprendere il mondo del tennis.

Medvedev e Thiem parlano dei Big Three

“Mi sento uno degli attuali Big Four? Ovviamente no. Se guardiamo ai tornei del Grande Slam e agli altri grandi eventi sono molto lontano da loro. In questo momento ho vinto un Major, un Masters 1000 e alcuni tornei ATP 500.

Leggermente meno rispetto a quello che hanno ottenuto loro( ride, ndr) . I tennisti più giovani devono essere felici di poter combattere contro queste tre leggende” , ha dichiarato Thiem con molta onestà.

Medvedev, invece, è partito dalla sfida con Nadal e dai suoi primi passi in un campo da tennis. “Ogni volta sembra che i fan vogliano rivedere la sfida tra Djokovic e Nadal, ma finalmente vedranno Thiem contro di me.

Penso sia fantastico il fatto che tennisti come noi lottino per vincere i grandi tornei. Contro Nadal, fino al break subito nel corso del primo set sentivo di essere superiore nel match. Ho giocato sul suo rovescio perché lo usava quasi sempre in back.

Ho vinto il secondo set al tie break ed ero consapevole di lottare per il successo. Nel terzo set sono cresciuto ed ho meritato la vittoria. Mi piace giocare contro i Big Three. Quando ero giovane, quattro o cinque anni, ed ho iniziato a tenere la racchetta in mano, Roger vinceva tutto. Poi sono arrivati Rafa e Novak. È sempre un grande piacere giocare contro di loro” .