Wozniacki: "Il tennis sentirà tantissimo la mancanza di Federer, Nadal e Djokovic"



by   |  LETTURE 1784

Wozniacki: "Il tennis sentirà tantissimo la mancanza di Federer, Nadal e Djokovic"

L’ennesimo trionfo di Rafael Nadal al Roland Garros – peraltro in condizioni assolutamente inedite – ha contribuito a riaccendere il dibattito sul più grande di sempre. Vincendo lo Slam parigino per la quarta volta senza cedere nemmeno un set, l’ex numero 1 del mondo ha infatti coronato il suo lunghissimo inseguimento al record di Roger Federer eguagliandolo a quota 20 Slam.

Novak Djokovic, dal canto suo, è fermo a 17 dopo il successo agli Australian Open, anche se bisogna ricordare come il serbo sia il più giovane dei Big 3. Il fenomeno di Belgrado si è garantito la matematica certezza di chiudere la stagione in vetta al ranking ATP per la sesta volta nella sua carriera, raggiungendo il suo idolo Pete Sampras.

Grazie al nuovo sistema di classifica indotto dalla pandemia, Nole ha una ghiottissima chance di superare il record di Federer di settimane al numero 1 ATP. Nel corso di un’intervista a Marca, l’ex numero 1 WTA Caroline Wozniacki si è soffermata a lungo sulla sua vita dopo il ritiro dal tennis (avvenuto quest’anno agli Australian Open).

La conversazione si è spostata poi sull’eterno dibattito relativo al GOAT.

Wozniacki: "Il GOAT è ancora Roger Federer"

“È un risposta davvero complicata. Forse in questo momento scelgo ancora Roger Federer.

Dobbiamo vedere cosa succederà nei prossimi anni. Penso che anche Rafael Nadal e Novak Djokovic possano ambire a questo titolo. Il tennis sentirà tantissimo la loro mancanza quando si saranno ritirati” – ha spiegato la danese.

Wozniacki ha elogiato poi la straordinaria impresa di Nadal al Roland Garros, forse lo Slam più difficile da vincere in qualsiasi condizione. “È pazzesco. In condizioni normali sarebbe stato comunque difficilissimo, ma Rafa ci ha insegnato che - credendoci e con il duro lavoro - tutto diventa possibile.

Un’impresa del genere produce un effetto davvero stimolante” – ha analizzato Caroline. I Big 3 saranno gli uomini da battere il prossimo anno, anche se nel 2020 abbiamo assistito al primo successo in un Major di un giocatore nato negli anni ’90 (Dominic Thiem agli US Open).