Simon: "Non tutti possono giocare come Roger Federer"



by   |  LETTURE 2538

Simon: "Non tutti possono giocare come Roger Federer"

Nel corso della sua lunga carriera, Gilles Simon è stato in grado di vincere 14 titoli ATP, oltre a mettere spesso in difficoltà giocatori molto più talentuosi rispetto a lui. Il veterano francese ha recentemente pubblicato il suo libro intitolato ‘This Sport That Makes You Crazy’, in cui sono presenti alcune rivelazioni sorprendenti che vanno dalla mancanza di risultati del tennis francese fino alla sua opinione relativa al GOAT.

L’ex numero 6 del mondo ha dedicato un intero capitolo al fenomeno Roger Federer, che secondo ‘Gillou’ avrebbe avuto risvolti profondamente negativi per le giovani promesse di questo sport. Durante un’intervista concessa a Le Parisien, Simon ha chiarito di non avere nulla di personale contro il 20 volte campione Slam, destinato ad essere ricordato come il più popolare tennista di ogni epoca.

Il fenomeno svizzero si è mantenuto competitivo nonostante l’avanzare dell’età, anche se quest’anno ha disputato soltanto gli Australian Open prima di andare sotto i ferri.

Simon critica il modello Federer

“Per decenni si è creduto che tutti i giocatori dovessero essere formati seguendo lo stile di Roger Federer.

C’era la convinzione che si dovesse imitare il suo modo di giocare, la sua propensione ad andare avanti, la sua attitudine in campo, e che questa fosse la scelta più corretta per qualsiasi ragazzo. Questa stupidaggine ci ha fatto perdere vent’anni!

In Francia tutti volevano essere come Roger Federer. Nessuno si era reso conto che Rafael Nadal e Novak Djokovic vincevano altrettanto facendo qualcosa di totalmente diverso. Ecco perché – da un certo punto di vista – sarebbe un bene se i record di Roger Federer venissero battuti” – ha dichiarato il transalpino.

Simon ha elogiato poi Marin Cilic, in grado di conquistare uno Slam nell’epoca dei tre mostri sacri. “Cilic non era più forte di Jo-Wilfried Tsonga, giusto per fare l’esempio di un tennista francese.

Eppure Tsonga non è riuscito a vincere uno Slam. Sto cercando di dire che tanti dei miei connazionali non erano abbastanza forti mentalmente nelle occasioni più importanti”.