Bartoli: "Roger Federer può vincere Wimbledon grazie al suo stile di gioco"



by   |  LETTURE 2061

Bartoli: "Roger Federer può vincere Wimbledon grazie al suo stile di gioco"

Un paio di settimane fa, Rafael Nadal si è aggiudicato il Roland Garros battendo nettamente il numero 1 del mondo Novak Djokovic in finale. Il 13° successo nella capitale francese ha permesso allo spagnolo di eguagliare il record di 20 Slam dell’eterno rivale Roger Federer, la cui ultima apparizione ufficiale risale ormai agli Australian Open ad inizio anno.

Nel frattempo, Novak Djokovic ha ribadito la sua intenzione di chiudere la stagione in vetta al ranking mondiale per la sesta volta nella sua carriera, raggiungendo così il primato del suo idolo Pete Sampras. I recenti avvenimenti hanno anche riacceso il dibattito sul GOAT, con i sostenitori delle diverse fazioni che hanno iniziato a scagliarsi gli uni contro gli altri.

Nel corso di un’intervista al portale Tennis Majors, l’ex campione di Wimbledon Marion Bartoli ha sottolineato come il discorso relativo al più grande di sempre possa essere affrontato solo dopo il ritiro dei Big 3.

Bartoli: "Dobbiamo aspettare il ritiro dei Big 3"

“Roger Federer, Rafael Nadal e Novak Djokovic non hanno ancora finito. Dobbiamo soltanto aspettare che si ritirino. Tutti e tre hanno caratteristiche uniche e allo stesso tempo molto diverse” – ha spiegato la francese.

“Credo che i 13 titoli di Nadal al Roland Garros spingeranno Roger e Novak a fare ancora di più per compensare questo record. Una volta che tutti e tre avranno appeso la racchetta al chiodo, allora tracceremo un grande bilancio per vedere chi è stato il migliore di tutti i tempi” – ha aggiunto.

Marion si è soffermata anche sulle chance di Federer di vincere un altro Slam, tenendo conto che Roger compirà 40 anni ad agosto del prossimo anno. “Sono convinta che abbia ancora una possibilità.

Deve fare il possibile per arrivare a Wimbledon già rodato, altrimenti se si presenta lì senza partite rischia di essere troppo arrugginito. La forma fisica conta un pochino meno sull’erba grazie allo stile del suo gioco.

Può servire e scendere a rete, oltre ad usare il suo magnifico slice con intelligenza. Non dimentichiamo che era vicinissimo a farcela a Wimbledon 2019” – ha chiosato.