Roger Federer e quella suite a suo nome nell’Accademia di Rafael Nadal



by   |  LETTURE 9785

Roger Federer e quella suite a suo nome nell’Accademia di Rafael Nadal

La rivalità tra lo svizzero Roger Federer e lo spagnolo Rafael Nadal è una delle più importanti ed emozionanti di tutto il mondo dello sport. I due si sono sfidati per la prima volta nel lontano 2005, a Miami, con un diciassettenne Rafa uscito vincitore grazie ad un doppio 6-3.

Il loro ultimo incontro è andato in scena nell’estate del 2019, quando Roger ha avuto la meglio del suo rivale nella semifinale di Wimbledon, in quattro set. Nadal guida attualmente gli scontri diretti per 24-16, anche se i due non potranno sfidarsi fino almeno al prossimo anno, quando il campione di Basilea farà il suo tanto atteso rientro sul circuito.

L’Accademia di Rafa in Spagna

Intervistato al talkshow iberico ‘La Resistencia’, il fenomeno di Palma di Maiorca ha rivelato l’esistenza di due prestigiose suite nell’Accademia Tennis che porta il suo nome, una intitolata ovviamente a Rafa, l’altra al grande rivale Federer.

I due ambienti, ha continuato Nadal, presentano entrambi fotografie e cimeli dei due campionissimi. Grandi amici sin dai primi incontri sul Tour, i due non hanno mai fatto segreto della loro splendida amicizia. Nel 2016, ad esempio, Roger è stato presente all’inaugurazione dell’Accademia di Manacor e in tale occasione ha dichiarato: “Rafa, tu sei la persona che più mi ha influenzato ed ispirato.

Grazie a te, ho dovuto reinventare un sacco di cose nel mio gioco. Sono veramente felice di essere qui. Adesso so dove manderò i miei bambini se un giorno vorranno imparare a giocare a tennis”. Nadal, grato delle parole dell’avversario, ha risposto: “E’ molto importante per tutti noi averti qua oggi.

Tu rappresenti l’esempio ed i valori per i bambini della nostra Accademia. Grazie, Roger, dal più profondo del mio cuore. Per me significa molto”. Gli Us Open sono l’unico torneo del Grand Slam che non sono mai stati testimoni di un Fedal: un fatto davvero curioso, per un evento che ha visto trionfare l’elvetico cinque volte consecutive e lo spagnolo in tre occasioni. Photo Credit: Us Open