Jenkins: "La più grande arma di Roger Federer? L'imprevedibilità"



by   |  LETTURE 2453

Jenkins: "La più grande arma di Roger Federer? L'imprevedibilità"

Roger Federer ha affrontato numerosi avversari nel corso della sua carriera, molti dei quali sono rimasti affascinati dal suo tennis vario ed elegante pur essendo stati nettamente sconfitti. Uno di questi è Scoville Jenkins, che affrontò il 20 volte campione Slam nel primo round degli US Open 2007.

Lo svizzero si impose piuttosto nettamente, il che non sorprende visto che Roger era all’apice del suo dominio e avrebbe vinto il titolo quell’anno. L’americano si è invece ritirato nel 2010, un anno dopo aver raggiunto il suo best ranking di numero 187 ATP.

13 anni dopo quella magica partita con Federer, Jenkins ha ricordato le sue sensazioni. In particolare, Scoville ha elogiato il diritto e la risposta tagliata dell’ex numero 1 del mondo, che spesso gli consente di mandare il suo avversario fuori posizione e di comandare gli scambi da fondo campo.

Jenkins: "Federer ti fa sentire sempre sotto pressione"

“Ti senti sempre sotto pressione contro di lui, qualunque cosa tu faccia. Sarà in grado di colpire lo stesso un gran dritto o di mandarti fuori posizione per poi chiudere dall’altra parte.

Devi cercare di attaccarlo costantemente, altrimenti lui prenderà il sopravvento e rischi di subire una batosta” – ha spiegato Jenkins nel podcast condotto da David Beilinson. “Quello che devi capire è che lui è sempre una mossa avanti a te in un’ipotetica partita di scacchi.

Ogni colpo che gioca è utile per impostare il successivo, ma tu non sei in grado di comprendere la trama generale. Non sai mai cosa ti farà, ha tantissime soluzioni nel suo repertorio” – ha aggiunto lo statunitense, che si arrese con un dignitoso 6-3 6-2 6-4 davanti al pubblico amico.

“C’è un aspetto che rende Federer unico. Io lo avrò visto in TV un milione di volte, eppure quando ci giochi contro riesce a non farti capire cosa farà in campo”. Il fenomeno di Basilea ha disputato solo gli Australian Open quest’anno e dovrebbe fare il suo ritorno all’inizio della prossima stagione.