Il tennis dopo Federer, Djokovic e Nadal secondo la logica degli ascolti televisivi



by   |  LETTURE 3686

Il tennis dopo Federer, Djokovic e Nadal secondo la logica degli ascolti televisivi

Roger Federer, Novak Djokovic e Rafael Nadal hanno vinto insieme 56 titoli del Grande Slam e non hanno nessuna intenzione di fermarsi. La lotta al primato Slam rappresenta la loro più grande motivazione ed in questo momento è più aperta che mai.

Guida questa speciale classifica Federer con ben 20 Major conquistati nel corso della sua carriera. Lo svizzero è seguito da Nadal, fermo a quota 19, e Djokovic, che grazie al successo ottenuto agli Australian Open quest’anno è salito a 17 Major.

Le tre leggende stanno probabilmente segnando e dando vita all’epoca più bella ed affascinante della storia del tennis ed i fan, provenienti da ogni parte del mondo, sembrano apprezzare molto questa contrapposizione di stili.

Una delle domande più ricorrenti tra addetti ai lavori ed appassionanti è sempre la stessa: cosa ne sarà del tennis dopo il ritiro di Federer, Djokovic e Nadal?

Il futuro del tennis dopo Federer, Djokovic e Nadal

Una risposta potrebbe arrivare dagli ascolti televisivi registrati da ESPN durante l’ultima edizione degli US Open.

Ricordiamo che Federer e Nadal non erano presenti ai nastri di partenza, mentre Djokovic ha ricevuto una squalifica agli ottavi di finale del torneo. La finale maschile tra Alexander Zverev e Dominic Thiem è stata seguita negli Stati Uniti da 1,8 milioni di spettatori, circa la metà del pubblico che lo scorso anno ha guardato in televisione il match tra Rafael Nadal e Daniil Medvedev.

Si tratta del dato peggiore degli ultimi sei anni. “Per gli sport come il tennis, il pubblico gioca un ruolo fondamentale” , ha spiegato Spencer Nolan, direttore generale di Nielsen Sports. “Nella finale femminile l’assenza dell’eroe di casa si è fatta sentire.

Mentre nella finale maschile la questione è diversa, mancavano tre icone globali che quasi trascendono il mondo dello sport. Federer, Djokovic e Nadal, come anche Serena Williams, non sono solo i tre migliori giocatori in attività, ma i tre migliori degli ultimi 150 anni e giocano nella stessa epoca.

Questa cosa non ha eguali in nessuno sport” . I dati televisivi degli US Open testimoniano il rischio per il tennis di perdere tanti spettatori dopo che Federer, Djokovic e Nadal si saranno ritirati. La nuova generazione, ancora prima di crescere e lasciare il segno, dovrà quindi riuscire a superare questo grande ostacolo ed entrare nel cuore del pubblico.